Emergenza rifiuti, De Luca batte i pugni: vuole le relazioni sulle cause - Tempostretto

Emergenza rifiuti, De Luca batte i pugni: vuole le relazioni sulle cause

Francesca Stornante

Emergenza rifiuti, De Luca batte i pugni: vuole le relazioni sulle cause

giovedì 08 Novembre 2018 - 17:10
Emergenza rifiuti, De Luca batte i pugni: vuole le relazioni sulle cause

Da giorni la città è alle prese con una nuova crisi nel settore rifiuti, la prima emergenza dopo diversi mesi di calma apparente. Il sistema invece è imploso di nuovo. De Luca chiede a Cda, direttore generale, assessore all'ambiente e anche al liquidatore di Messinambiente di sapere cosa sta scucendo

Per il sindaco Cateno De Luca la crisi dei rifiuti esplosa negli ultimi giorni ha una “genesi inquietante”. Anche il primo cittadino getta dunque delle ombre sulle cause della prima emergenza dell’era De Luca e della prima emergenza di MessinaServizi da quando ha raccolto il testimone di Messinambiente. Per il sindaco la situazione non è più tollerabile.

«Ora è giunto il momento di mettere tutto nero su bianco e prendere i provvedenti indifferibili ed urgenti per liberare la città dai rifiuti» ha scritto a corredo della nota inviata al Cda e al Direttore generale di MessinaServizi, all’Assessore ai rifiuti Dafne Musolino e al liquidatore di Messinambiente Pietro Picciolo. De Luca vuole entro domani una relazione urgente che spighi cosa sta accadendo sul fronte rifiuti.

Lo aveva detto chiaramente già durante il tavolo tematico dedicato a MessinaServizi di martedì sera (VEDI QUI) sia al presidente Pippo Lombardo che al Direttore Aldo Iacomelli: «Risolvete il problema, entro venerdì dobbiamo chiudere la questione». E oggi pomeriggio, archiviato il Salva Messina, De Luca ha scritto agli uomini di MessinaServizi per avere risposte chiare e per prendere i provvedimenti del caso, annunciando anche in questo caso pugno duro.

Tutti i destinatari della richiesta, così si legge, dovranno «relazionare in merito alle cause che hanno generato l’attuale stati di crisi del sistema di raccolta dei rifiuti solido urbani e le soluzioni intraprese per risolvere immediatamente la situazione emergenziale che si è determinata».

De Luca vuole conoscere perché è scoppiata questa emergenza per «intraprendere gli opportuni e indifferibili provvedimenti nei confronti dei responsabili dell’inspiegabile disservizio che si è generato nelle ultime settimane».

Esattamente come aveva detto il tempo scade domani. Entro le 14, nelle caselle di posta elettronica indicate nella nota ci dovranno essere le relazioni di Cda, direttore generale e assessore, ognuno per le proprie competenze.

In questi giorni il presidente Lombardo ha spiegato più volte che il problema è stato causato dal fatto che MessinaServizi si è ritrovata con i contratti per le manutenzioni di Messinambiente scaduti e non ha provveduto per tempo ad affidare le gare per i nuovi contratti. La situazione si dovrebbe sbloccare a strettissimo giro, ma serviranno giorni per ripulire la città.

In ogni caso entro domani dovranno esserci delle relazioni che spiegano i motivi dei cassonetti stracolmi, dei mezzi fermi in autoparco anche per problemi minimi che probabilmente potevano essere risolti anche nelle officine interne, della sporcizia che i cittadini stanno sopportando ad ogni angolo della strada.

Francesca Stornante

Tag:

4 commenti

  1. E chi ha detto a Messinaservizi di bloccare il rinnovo dei contratti? Urgente ed indifferibile è il ritorno a Fiumedinisi di quest ‘uomo.

    0
    0
  2. «Risolvete il problema, entro venerdì dobbiamo chiudere la questione» ahahahahahahahahaha mi fa moriri di risati…Ma che significa? Il problema c’è, è la causa è da ricercare sulla incapacità degli amministratori di Messina di dare risposte di…..civiltà ed in prima fila c’è il sindaco. E’ puerile scaricare la responsabilità su altri (troppo comodo). Caro Di Luca una cosa è amministrare S.Teresa di Riva (cui va tutto il mio rispetto e affetto) una cosa è amministrare una realtà (non la chiamo città) come Messina. Visti i primi mesi non credo che Messina riuscirà mai ad uscire dal tunnel dove si trova…troppo scarsi. Mandateci il peggior sindaco di Bolzano degli ultimi 20 anni..aiutoooooo!!
    Pagella Di Luca: voto – 1 (pugne….tto duro).

    0
    0
  3. Ma non bastava essere sceriffo per farsi rispettare come disse De Luca? La verità è che Messina è sempre stata ricattata usando le emergenze rifiuti. Adesso sbraita ma sa che non può fare nulla. La colpa non è ovviamente sua, ma questa sua aria da piccolo duce che non tollera storture ora più che mai risulta a tratti grottesca e ridicola specie ora che stanno palesandosi tutti i limiti suoi personali e quelli della figura di amministratore del sindaco in generale. Il potere di cambiare poco o nulla.

    0
    0
  4. De Luca il sindaco lo sa fare. Non molto bene.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007