Covid Sicilia. Miccichè e Picciolo: "vaccini per i deputati". Ed è polemica - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid Sicilia. Miccichè e Picciolo: “vaccini per i deputati”. Ed è polemica

Redazione

Covid Sicilia. Miccichè e Picciolo: “vaccini per i deputati”. Ed è polemica

mercoledì 03 Marzo 2021 - 07:37
Covid Sicilia. Miccichè e Picciolo: “vaccini per i deputati”. Ed è polemica

Il presidente dell'Ars chiede vaccini in vista della discussione in Aula. Il m5s: odiosi privilegi

“Dopo le forze dell’ordine, le forze armate, i docenti e le categoria più deboli, chiedo all’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, di valutare la possibilità di praticare la vaccinazione ai componenti l’Assemblea regionale siciliana ed a tutti i dipendenti, come precauzione, in vista della discussione per l’approvazione del bilancio e della finanziaria regionale”. Le dichiarazioni del Presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè indirizzate all’assessore alla sanità Razza scatenano polemiche. La corsia preferenziale per la politica non è piaciuta.

Il M5S: privilegi

I primi a contestarlo sono stati i 5stelle che bacchettano Miccichè per un comportamento che comporta  “odiosi e immortali privilegi di questo palazzo. Concedere ai parlamentari dell’Ars una corsia privilegiata non è certo un bel segnale che arriva alla cittadinanza. Sono tantissime le categorie professionali che hanno frequentissimi contatti per lavoro e ciò nonostante sono costrette a rimanere pazientemente in attesa della loro dose”.

Picciolo: non è casta

A dar invece manforte a Miccichè è il segretario regionale di Sicilia Beppe Picciolo: “Non è un diritto di casta quello affermato dal Presidente Micciché – ha ribadito Picciolo – si tratta, invece, di mettere in campo n po’ di buon senso e guardare in maniera pratica ai problemi quotidiani. Tutti i politici democraticamente eletti hanno ricevuto un mandato di rappresentanza che per essere svolto ha, come compito iniziale, la raccolta delle istanze. Per far questo l’interlocuzione personale con gli elettori è basilare e deve essere svolta nel modo più sicuro possibile, sia da parte di chi ascolta sia di chi ha necessità di esporre. Nessuna ipocrisia dunque se si vuole continuare a tenere aperto il dialogo con la società si dia la giusta tutela a chi democraticamente la rappresenta, diversamente si assecondi la caccia alle streghe e si continui a trattare la Politica come un orpello da eliminare dalla “vita pubblica”, un ruota da sganciare per lasciare il potere decisionale a chi ha già ampiamente dimostrato, è più volte detto, che la classe Politica non serve”.

Tag:

2 commenti

  1. Ma per la fascia 60 – 80 anni, specie con patologie croniche, che facciamo?
    La scuola, gli amministrativi degli ospedali, ora i deputati regionali, poi spunteranno i dipendenti regionali o comunali, ma gli ammalati quando?

    16
    0
  2. giulia.cardinalegiuliacarxinale 4 Marzo 2021 20:06

    Quando sono. Morti, così risparmiano la dose 🖕

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x