Gambizzazione a Provinciale, si batte la pista passionale - Tempo Stretto

Gambizzazione a Provinciale, si batte la pista passionale

Gambizzazione a Provinciale, si batte la pista passionale

venerdì 15 Giugno 2007 - 15:39

La criminalità locale non ha niente ha che fare con l'agguato al senegalese

Un avvertimento per fargli capire che è meglio girare alla larga da una bella signora. E’ questa l’ipotesi più accreditata dagli investigatori quale movente del ferimento di Sama Youssod, gambizzato ieri sera alle 18.30 sul viale San Martino. Ad indagare sono i carabinieri della compagnia Messina sud, che escludono il coinvolgimento della malavita locale, a tutti i livelli. Il senegalese avrebbe piuttosto pagato una simpatia scomoda per una messinese . Questa è almeno per il momento la pista battuta dagli investigatori, che già ieri sera hanno ascoltato la vittima, dimessa dal Policlinico con 20 giorni di prognosi per i tre colpi di calibro 7,65 alle gambe. Ascoltati anche alcuni connazionali di Youssod che si trovavano nei pressi del luogo dove è avvenuto l’agguato. Nessun altro, né i commercianti della zona né i passanti, ha dichiarato di aver visto la scena. Ad aprire il fuoco sono stati due giovani col volto coperto da caschi integrali, che hanno agito a bordo di un motociclo nero di media cilindrata.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007