Dal Recovery Fund al Lab_Italy - Una visione Strategica per il Paese - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Dal Recovery Fund al Lab_Italy – Una visione Strategica per il Paese

Redazione

Dal Recovery Fund al Lab_Italy – Una visione Strategica per il Paese

martedì 20 Ottobre 2020 - 16:39
Dal Recovery Fund al Lab_Italy – Una visione Strategica per il Paese

L’architetto Tinaglia e il professore Limosani hanno scritto a Mattarella, al Presidente del Consiglio, al Commissario europeo per l'Economia ed ai Governatori

MESSINA – Dal Recovery Fund al Lab_Italy – Una visione Strategica per il Paese. L’architetto Alessandro Tinaglia e il professore Michele Limosani (nella foto), nella qualità di coordinatori del Comitato scientifico “Recovery fund, il Meridione in Europa”,  hanno inviato questa mattina una pec al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, al Commissario europeo per l’Economia ed a tutti Presidenti delle Regioni.

I due lo scorso 31 luglio avevano presentato al Prefetto di Messina una lettera aperta sottoscritta dai rappresentanti della società civile e della politica e indirizzata al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, al Consiglio dei Ministri ed ai Presidenti delle Regioni.

“La Prefettura di Messina già lo scorso agosto – evidenziano Limosani e Tinaglia – ci confermava di avere inviato a tutte le istituzioni tale documento con il quale, oltre a proporre alcune soluzioni per l’utilizzo dei fondi, chiedevamo di essere ricevuti in audizione per potere illustrare con maggiore accuratezza il nostro punto di vista. Visto, però, che dallo scorso 31 luglio molte cose nuove sono successe, abbiamo ritenuto necessario elaborare una nuova versione del documento con il quale suggeriamo l’utilizzo di un approccio, e quindi di un metodo di lavoro, alternativo a quello utilizzato dal nostro Paese negli ultimi decenni”.

Ad avviso di Limosani e Tinaglia “il tempo rimasto per decidere è molto poco e per tale ragione, pur comprendendo come la situazione sia molto delicata e gli impegni fittissimi, rinnoviamo la richiesta di audizione. Le risorse rese disponibili dall’Unione europea – chiosano – sono consistenti e rappresentano un’occasione imperdibile per ridisegnare l’Italia a partire dalla riorganizzazione sanitaria, dalla semplificazione burocratica e dalla perequazione infrastrutturale. Non è un caso che, in questi anni, l’Europa abbia più volte stigmatizzato il clamoroso divario di infrastrutture e servizi che esiste tra Nord e Sud riconoscendolo come il principale limite per lo sviluppo economico, sociale e culturale del nostro Paese. L’opportunità che ci viene offerta dal Recovery Fund dimostra come non si tratti più della “Questione Meridionale” ma, semmai, della capacità dell’Italia di darsi un modello di sviluppo finalmente condiviso e unitario”. Ai due firmatari della lettera piace “richiamare e rimarcare le parole del Commissario europeo al Bilancio Paolo Gentiloni che, qualche settimana fa in audizione alle commissioni riunite Bilancio e Politiche dell’Unione Europea di Camera e Senato, ha ricordato come il Recovery Fund sia un’occasione da non sprecare, soprattutto per l’Italia: …Oggi abbiamo risorse e spazio di bilancio, se non le usiamo oggi il rischio è che non lo facciamo più, vale per i 27 Paesi e in modo particolare per un Paese come il nostro sia per il basso tasso di crescita e quello elevato del nostro debito, problema che resterà. Quindi non una raccolta di esigenze o emergenze ma il coraggio di scegliere e guidare questa ricostruzione perché o lo facciamo oggi o sarà difficile farlo in un’altra occasione. La commissione incoraggia a presentare questi Piani nazionali di ripresa e resilienza per la metà di ottobre. Ci aspettiamo delle bozze che indichino obiettivi generali, linee intervento, priorità, che consentano l’avvio di un dialogo con la commissione”.

La redazione del Piano nazionale per la ripresa e la resilienza -Recovery plan) e del Pnr (Piano nazionale di riforma), la cornice triennale che conterrà tutte le iniziative che costituiscono la visione strategica di sviluppo del Paese, rappresentano quindi un momento decisivo, e storico, per le sorti dell’Italia e di tutti le generazioni di Italiani. “Per tale ragione – concludono Limosani e Tinaglia – condividendo le osservazioni del Presidente Gentiloni nella qualità di rappresentante dell’Unione Europea, rinnoviamo la richiesta di valutare, ed eventualmente discutere congiuntamente, la nostra proposta”.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x