Di Giorgio: "Sicilia invasa dalla droga". I locali dello sballo a Messina e Catania - Tempo Stretto

Di Giorgio: “Sicilia invasa dalla droga”. I locali dello sballo a Messina e Catania

Alessandra Serio

Di Giorgio: “Sicilia invasa dalla droga”. I locali dello sballo a Messina e Catania

giovedì 18 Luglio 2019 - 13:54
Di Giorgio: “Sicilia invasa dalla droga”. I locali dello sballo a Messina e Catania

Il magistrato a capo dell'inchiesta lancia l'allarme sul consumo di droga tra i giovani. Ecco i luoghi della movida da sballo in città e provincia.

“Questa indagine conferma come Messina, per la sua centralità geografica, è ancora uno snodo centrale del traffico di droga mondiale”. A spiegarlo è il procuratore aggiunto Vito Di Giorgio, titolare dell’inchiesta Cafè Blanco. “Un dato che conoscevamo – ha precisato il magistrato – i messinesi hanno sempre trafficato grossi quantitativi di stupefacenti provenienti da canali internazionali. Stavolta, però, siamo in presenza di un gruppo che aveva contatti diretti con gli acquirenti internazionali, e non mediati attraverso altri gruppi criminali isolani o calabresi“.

Cafè Blanco ha svelato agli investigatori che questo giro nel quale si erano inseriti i messinesi era in grado di piazzare enormi quantitativi di sostanze stupefacenti. De La Rosa era stato arrestato a suo tempo a Milano con 12 chili di cocaina, 3 dei quali erano a casa dell’allora compagna Marystehel Polanco, finita nello scandalo delle olgettine appunto.

Dopo quell’arresto, era stato trasferito nel carcere siciliano di Caltanissetta, dove aveva stretto accordi con Di Bella e Zappalà. Quest’ultimo stamane è stato arrestato proprio a Caltanissetta: a casa aveva 170 grammi di ketamina e 835 pasticche di ecstasy col marchio rolex, probabilmente destinati alla movida estiva.

Messina invasa dalla droga

Il dato preoccupante – sottolinea il Pm della Dda – è che anche le altre indagini ci dicono che la città di Messina e le sua provincia, ancor di più nei periodi estivi ovviamente, sono letteralmente invase dalla droga. Ci sono enormi quantitativi di sostanze stupefacenti in giro, sono tantissimi i consumatori, anche minorenni. Ed assistiamo ad un crescere di incidenti stradali anche tragici dovuti a guidatori “sballati”. La nostra attenzione nel contrasto delle organizzazioni di trafficanti è sempre alta anche per questo, per quel che ci compete e possiamo cerchiamo di ridurre la droga a disposizione sgominando i traffici internazionali”.

Stupefacenti molto pericolosi

E non è sempre droga “buona”. ” I trafficanti non si preoccupano di piazzare sostanza trattata adeguatamente, ma pur di vendere il più possibile spacciano anche droga estremamente pericolosa. “Abbiamo intercettato una esplicita conversazione tra un cliente e una pusher dove il primo si lamentava di essersi sentito male, dicendo dopo mi sono scomparse le pupille”, racconta Di Giorgio.

A Messina c’era un locale soprattutto che veniva usato come base dello spaccio, una nota discoteca. Si tratta di un locale notturno della zona tra la stazione, il viale Europa e Maregrosso. I catanesi piazzavano le sostanze da sballo in due noti lounge bar di Taormina e altri luoghi della movida catanese, mentre nel siracusano le pusher del gruppo avevano contatti diretti con i clienti tra Canicattì Bagni, Siracusa ed Augusta.

Tag:

3 commenti

  1. bonanno giuseppe 18 Luglio 2019 14:27

    perche non chiudono questi locali….invece delle multe che molto spesso non pagano chiudiamoli nei mesi estivi e vediamo cosa succede……chiaramente ai vari politici di tutte le razze non piace,,,,ma è l’unica soluzione…..anche i ristoratori del pesce o della carne marcia

    17
    1
    1. Perché non controllano all’uscita dei locali i ragazzi così da evitare incidenti e altro

      0
      0
  2. Quando a Mortelle ti imbatti in un ragazzino barbuto e con il panama in testa, a bortdo di una motoretta, che per fare lo scaltro davanti a due ragazzine, bestemmia il Signore alla grande, non puo’ non venirti il sospetto che sia fatto : fatto con i soldi papa’. Questo successe anni fa, davanti al SUNSET …. ora mi chiedo : dove sara’ finito costui ? Sul triste viale della tossicodipendenza, oppure … e’ ritornato normale e magari … ora lavora ?? Io resto ottimista .. speriamo che non mi sia sbagliato.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007