Il comitato Dds: "L'assistenza scolastica è alla deriva" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il comitato Dds: “L’assistenza scolastica è alla deriva”

Il comitato Dds: “L’assistenza scolastica è alla deriva”

mercoledì 20 Luglio 2016 - 22:09

Si chiederà, oltre che la nomina di commissari ad acta, pure il risarcimento dei danni patrimoniali e non, come previsto dalla legge 67/2006. Si sporgerà inoltre denuncia, affinché la magistratura accerti se vi siano stati comportamenti omissivi che integrino il reato di interruzione di pubblici servizi

Per l’anno scolastico 2016/2017, le nuove disposizioni di legge nazionale e l’adeguamento regionale stanno dando grandi preoccupazioni agli operatori che da decenni prestano professionale assistenza agli studenti disabili di ogni ordine e grado – in quanto il loro posto di lavoro è stato messo al bando.

"Le famiglie con a carico uno o più figli disabili sono disorientate, poiché – scrive il Comitato per i diritti e la dignità sociale – avendo le province cessato di gestire il trasporto gratuito, l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione o l’assistenza igienico-personale – si sono presentati gravi condizioni di disagio. Le regioni avrebbero dovuto affidare tali competenze, con le corrispondenti risorse, ad altri organismi: quali città metropolitane, enti di vasta area, ambiti territoriali, associazioni o consorzi di comuni. A fronte di una paralisi e delle incertezze interpretative, l’ultima legge di stabilità ha ribadito che tali competenze sono definitivamente assegnate alle singole regioni che potranno, a loro volta, attribuirle a secondi enti. Ciò però viene trasmesso in modo aleatorio e con scarsa interpretazione. Si decreta infatti che saranno le stesse scuole a dover garantire le prestazioni fin qui date da seri professionisti, sostituendo quest’ultimi con il proprio personale A.T.A., formato con quaranta ore di corso – probabilmente svolto alle soglie del primo giorno di scuola. A metà luglio 2016, a due mesi dall’inizio dell’a.s. 2016/2017, l’incertezza e il disorientamento dominano oltremodo: le scuole non sanno in che modo garantire la frequenza agli studenti disabili e le famiglie sono in forte ansia, dato che questi servizi in principio venivano programmati già a partire dal primo trimestre dell’anno civile. Così è a rischio il diritto allo studio. Gli alunni con disabilità non potranno seguire le lezioni fin dall’inizio dell’anno o, in taluni casi, dovranno frequentarle senza i sopracitati servizi: nelle peggiori delle probabilità, saranno costretti a rinunciare alla frequenza".

Alcune associazioni, con le quali il Comitato Dds collabora, denunciano “un silenzio gravissimo, nonostante la pressante azione di sensibilizzazione e protesta delle nostre federazioni regionali e delle associazioni federate. Di fronte alla violazione del diritto costituzionale allo studio, si annunciano azioni legali contro le regioni inadempienti. Non esiteremo ad agire contro le giunte e gli assessori che non hanno provveduto ad attivare in tempi utili i servizi che garantiscono la frequenza. È palese la discriminazione ai danni degli alunni con disabilità".

Si chiederà, oltre che la nomina di commissari ad acta, pure il risarcimento dei danni patrimoniali e non, come previsto dalla legge 67/2006. Si sporgerà inoltre denuncia, affinché la magistratura accerti se vi siano stati comportamenti omissivi che integrino il reato di interruzione di pubblici servizi. Non è esclusa l’eventualità di rivolgersi al Governo, essendo questi servizi dei livelli essenziali di prestazioni relativi a diritti sociali e civili ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione, in modo che intervenga – con le facoltà che la Carta Costituzionale gli riconosce – per sanare le inadempienze delle regioni.

Il Comitato Dds si propone parte attiva in questa vertenza, denunciando per il proprio territorio tutto ciò che mette in seria discussione i diritti dei disabili o dei loro assistenti: in special modo quel che compromette la continuità di un servizio imprescindibile.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x