Fondi europei, I-hub a rischio per Messina

Fondi europei, I-hub a rischio per Messina

Marco Olivieri

Fondi europei, I-hub a rischio per Messina

lunedì 27 Maggio 2024 - 22:45

Al di là delle polemiche, il tema è come riuscire a superare alcuni ostacoli in prospettiva

di Marco Olivieri

MESSINA – Nel dibattito sui fondi europei la priorità è Messina. Al di là delle critiche dei senatori Musolino e Germanà al sindaco Basile, conta solo il bene della città. E il suo futuro. Cercando di essere oggettivi, il problema, in prospettiva, potrebbe riguardare l’I-hub, ovvero il polo tecnologico nel segno dell’innovazione. La domanda è: le opere incompiute del Pon potranno essere trasferite nell’ambito del Poc Metro, Piano operativo complementare? I dubbi sono tanti.

In generale, la diatriba sui fondi europei apparentemente perduti ha sollevato più domande che risposte, soprattutto riguardo alla reale gestione delle risorse finanziarie. È fondamentale precisare che la questione in oggetto non riguarda esclusivamente le opere non completate, ma piuttosto i fondi non utilizzati, il che costituisce un problema di natura ben diversa.

Gli atti principali sono due: la delibera n. 187 del 7 maggio 2024, in cui emerge che le spese effettivamente sostenute alla data del 31 dicembre 2023 ammontavano a € 117.325.828,24 su una dotazione di € 153.099.011,02, da spendere entro la fine dell’anno. Ma non sono stati spesi tutti questi fondi. La delibera recita testualmente: “È necessario mettere in salvaguardia le spese relative ad atti di liquidazione non perfezionati o operazioni non completate entro il 2023, riprogrammandole sul Piano complementare”.

Ma questa operazione comporta eliminare interventi originariamente previsti sul Poc. Non a caso si evidenzia nella delibera che occorre “riprogrammare interamente il Piano operativo complementare, eliminando o rimodulando alcuni degli interventi attualmente inseriti per fare spazio alle operazioni non completate”. Questo prova che il Poc Metro è un programma complementare che aveva una sua programmazione. Non è un “programma cuscinetto” né un “piano b” per chi non arriva a spendere i fondi del Pon.

Il tema è: con quali fondi verrà finanziato l’I-hub?

Di fatto, sono stati persi € 35.773.183 di finanziamenti che si dovevano spendere entro il 31 dicembre 2023 ma le opere sono state “salvate”, utilizzando i fondi destinati ad altri interventi sul Poc. Ma quali sono gli interventi previsti originariamente sul Poc che Messina ha dovuto sacrificare? Facciamo un passo indietro. La delibera di Giunta n. 456 del 13 dicembre 2022 approva la programmazione del Poc Metro in cui vi è inserita l’I-hub per 16.800.000,00. Nella delibera n. n. 187 del 7 maggio 2024 quest’opera, invece, non c’è più perché occorre far spazio agli interventi non completati sul Pon Metro.

Diventa dunque necessario chiarire con i documenti e senza equivoci quanti fondi sono stati persi sul Pon Metro. E con quali fondi sarà finanziato l’I-hub. Di fatto, il Pon Metro 2021-27, presentato alla stampa un anno fa, è stato approvato?

In definitiva, con il Pon Metro si sarebbe dovuto finanziare una parte dell’I-hub con 16 milioni 800.000 euro. Ma non avendo speso tutte le somme assegnate sul Pon Metro, si è utilizzato il Poc Metro (Programma operativo complementare) in cui era previsto l’I-hub. E il polo tecnologico ora non può essere inserito nel Pon 2021-27. In più, con il decreto legge sulla riforma della politica di coesione, si decide che saranno finanziate le opere del Pnrr. La nuova Cittadella della salute, alla Città del ragazzo, di conseguenza, non è a rischio. L’i-hub sì.

Articoli correlati

2 commenti

  1. Buongiorno una sola considerazione, andatevene tutti a casa massa di incompetenti ed incapaci

    5
    6
  2. ANTONIO BARBERA 28 Maggio 2024 13:59

    Seguendo una antica regola giornalistica l’articolo si scrive per non far comprendere nulla al lettore . I-hub termine che vi piace tanto , con una velocità mai vista a Messina si sono demoliti gli ex Magazzini Generali ed il Mercato Ittico perchè doveva sorgere un Polo tecnologico d’avanguardia che il giornalista che mastica inglese chiama I-Hub . Conclusione come in passato a parte il rinnovo inutile di parcheggi già esistenti a Messina si è realizzato quasi nulla .

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007