Ampliamento cimiteri cittadini, situazione in “stand-by” per Faro Sup. Lavori in corso nel “gemello” di San Filippo - Tempostretto

Ampliamento cimiteri cittadini, situazione in “stand-by” per Faro Sup. Lavori in corso nel “gemello” di San Filippo

Ampliamento cimiteri cittadini, situazione in “stand-by” per Faro Sup. Lavori in corso nel “gemello” di San Filippo

martedì 25 Ottobre 2011 - 06:26

Dopo la “bocciatura” del project financing, l’amministrazione prosegue con la gestione “in house” delle strutture cimiteriali. Nel caso di Faro Sup. si attende che la delibera approvato in giunta venga discussa in consiglio comunale

La delibera di giunta, approvata nelle scorse settimane, sembra aver permesso a Palazzo Zanca di mettere una croce sul project financing cimiteri presentato dall’Ati con a capo la ditta Alfano Spa. Il progetto di finanza privata, il cui iter di aggiudicazione, mai effettivamente concluso, è stato costellato da ricorsi e controricorsi, avrebbe previsto l’ampliamento e la successiva gestione, con durata decennale, di tutti i cimiteri comunali, ovvero Monumentale, Castanea, Cumia. S.Filippo (poi escluso) Faro Superiore, Gesso, Giampilieri-Molino, Massa S.Lucia, Mili S.Marco, Pace, Salice, Santa Margherita, S.Paolo Briga e S.Stefano. Come pubblicato, però, la relazione tecnico-finanziaria richiesta dall’amministrazione e redatta dal Rup Raffaele Cucinotta e dal ragioniere generale Ferdinando Coglitore, hanno dichiarato il project “non più funzionale” alle esigenze di Palazzo Zanca.

Questi i fatti, alla luce dei quali l’amministrazione, ed in particolare l’assessore al ramo, Elvira Amata, affiancata dallo staff dirigenziale, sta procedendo alla gestione “in house” dei cimiteri comunali, come fatto finora, cercando di ottenere risorse dalla vendita di loculi ed altri spazi ormai da decenni privi di proprietari,da poter reinvestire nel mantenimento delle strutture. Appare tuttavia evidente, nonostante le facilitazioni che si otterranno in termini di spazi una volta terminati i lavori per la realizzazione del crematorio (necessari ancora due anni, ndr), come la aree su cui poter costruire rischiano di rivelarsi insufficiente. Da qui l’esigenza di sostenere, quanto più possibile gli interventi di ampliamento, perché no anche attraverso l’utilizzo di strumenti di finanza privata che però, a differenza di quanto non previsto nel più famoso caso, vengano adottati per singola struttura cimiteriale.
A questo proposito ricordiamo la delibera, approvata dalla giunta, e al momento“in coda” nel lungo elenco dei provvedimenti da discutere in consiglio comunale, riguardante proprio l’approvazione del piano regolatore cimiteriale e dei piani particolareggiati esecutivi di ampliamento proprio del cimitero di Faro Superiore. L’allargamento della struttura suburbana è inserita anche nel programma triennale opere pubbliche 2011-2013 per una spesa prevista per i successivi progetti esecutivi di attuazione di complessivi 7 milioni di euro.

Nei giorni scorsi, intanto, l’assessore Amata ha effettuato un sopralluogo a S. Filippo per verificare l’andamento dei lavori di realizzazione dell’ampliamento dell’attuale cimitero per circa 1.800 nuovi posti. Nel corso della verifica, effettuata alla presenza dei direttori dei lavori, ingegneri Giovanni Maimone e Carmelo Starrantino, dell’esperto dell’amministrazione per la pianificazione ed organizzazione dei servizi cimiteriali, ing. Giuseppe Puglisi, la rappresentante di giunta ha constatato con soddisfazione il procedere delle fasi esecutive secondo il programma dei lavori già prefissato. Entro il prossimo anno l’opera dovrebbe essere completata essendo state già ultimate tutte le opere di palificazione e si sta procedendo alla realizzazione degli sbancamenti, dei muri e dei primi nuovi corpi di fabbrica. Su un terreno acclive, il nuovo progetto di ampliamento vuole segnare e fortificare il recinto sacro all’interno, con un muro-bastione che sia anche muro-cellario, in cui il tracciamento orografico e la forma poligonale irregolare con pareti verticali fortemente strombate all’esterno vuole essere riferimento al Forte Gonzaga, inequivocabile nota iconografia messinese. Il progetto prevede anche la realizzazione di nuovi servizi annessi e “promenade” sul panorama circostante con una accessibilità e visitabilità attraverso rampe ed ascensori per anziani e portatori di handicap.(ELENA DE PASQUALE)

Tag:

Un commento

  1. In attesa delle impegnative realizzazioni di opere di revisione e d’interventi strutturali nelle aree cimiteriali cittadine; mi permetto reiterare agli organi istituzionalmente competenti per materia, l’invito già avanzato all’ Assessore al ramo dell’ex giunta Genovese e in più occasioni a quello attuale,  a prendere in considerazione l’apertura al Gran Camposanto dell’ingresso situato in via Baglio, in atto fruibile solo nei giorni della commemorazione dei defunti.
     In tale area  insistono recenti numerosi costruzioni di loculi raggiungibili da distanza tale da rendere impossibile in taluni casi -vedi persone anziane- la visita ai propri defunti.
    Basterebbe prevederne l’apertura anche nelle sole giornate di Sabato e di Domenica in ridotta fascia oraria per venire incontro ai tanti cittadini-visitatori.
    Impiegare un addetto 6 ore a settimana con in più l’ausilio della video sorveglianza, non può continuare a far rispondere: ” Non è possibile per mancanza di personale”. 
    Mi rendo conto, però, che non si farà per mancanza, questa sí, della necessaria sensibilità sociale di chi ne avrebbe facoltà.
    Pochi spiccioli di gratitudine per essere preso in considerazione da menti proiettate alle grandi opere. 
     Grazie e cari saluti  – Mario Brigandì –

    0
    0

Rispondi a Mario B Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007