Fallimento Bonina, a processo per estorsione l'imprenditore barcellonese - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Fallimento Bonina, a processo per estorsione l’imprenditore barcellonese

Alessandra Serio

Fallimento Bonina, a processo per estorsione l’imprenditore barcellonese

mercoledì 24 Ottobre 2018 - 16:54
Fallimento Bonina, a processo per estorsione l’imprenditore barcellonese

Processo a partire da gennaio per il patron dei supermercati accusato dai lavoratori di estorsione. Li costringeva a lavorare più ore di quelle previste nel contratto di solidarietà che avevano firmato malgrado le proteste.

Sarà il dibattimento processuale a satabilire se Immacolato Bonina, l'imprenditore di Barcellona pozzo di Gotto patron dei supermercati, ha estorto i propri dipendenti, nella difficile fase di pre fallimento dell'impresa, o se non ci sono reati nella sua condotta.

Bonina, comparso oggi davanti al GUP di Barcellona Fabio Gugliotta con l'accusa di estorisone e indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato, è stato rinviato a giudizio. Il processo comincerà il prossimo 14 gennaio davanti al Tribunale della città del Longano.

L'imprenditore è difeso dall'avvocato Francesco Aurelio Chillemi, mentre i 19 dipendenti che hanno chiesto la costituzione sono stati ammessi come parte civile, assistiti dall'avvocato Antonio Centorrino. Esclusa l'INPS per difetto di procura.

L'accusa della Procura di Barcellona, guidata dal procuratore capo Emanuele Crescenti, è arrivata alla fine dell'inchiesta della Guardia di Finanza. La tesi è che Bonina costringeva oltre 80 dipendenti di una sua importante catena di supermercati a firmare contratti "in solidarietà", ottenendo anche un contributo di solidarietà dall'Inps di circa 30mila euro, con orari di lavoro e stipendi ridotti nonostante, in realtà, lavorassero per un numero di ore settimanali superiore a quelle previste, 40, anziché 28, minacciandoli viceversa di licenziamento. La Finanza di Barcellona quantificato in oltre 1 milione e 200mila euro gli stipendi non pagati.

Leggi qui: i dettagli dell'inchiesta

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Magari fosse solo lui ? Non ci vuole molto a capire che continuando a indagare i lavoratori sono come quelli di Bonina o così o sei licenziato.L’articolo 18 e 7 dello statuto dei lavoratori ormai sono un miraggio Grazie Renzi.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007