Nuovi guai per Immacolato Bonina: indagato per estorsione ai lavoratori - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Nuovi guai per Immacolato Bonina: indagato per estorsione ai lavoratori

Alessandra Serio

Nuovi guai per Immacolato Bonina: indagato per estorsione ai lavoratori

lunedì 20 Agosto 2018 - 09:08
Nuovi guai per Immacolato Bonina: indagato per estorsione ai lavoratori

La Procura di Barcellona ha chiesto il rinvio a giudizio dell'imprenditore anche per indebita percezione di contributi statali. Avrebbe costretto i dipendenti ad accettare il contratto di solidarietà, decurtando loro lo stipendio, malgrado continuassero a lavorare come prima.

Arrivano al pettine i nodi della intricata vicenda legata al crack della società di distribuzione di Immacolato Bonina, la Csrs, fondata per gestire la filiela di supermercati che per alcuni anni si è espansa in Sicilia e Calabria, fallita nel 2016.

La Procura di Barcellona oggi accusa Bonina di estorsione nell'ambito della trattativa con i dipendenti. Il fascicolo è in mano al sostituto procuratore Federica Paiola che contesta anche l'indebita percezione di contributi statali e ha chiesto per l'imprenditore il rinvio a giudizio.

I fatti risalgono al 2014, quando si presentarono le prime difficoltà economiche del gruppo e il grosso dei dipendenti accettò il contratto di solidarietà. In pratica il loro stipendio veniva tagliato di un terzo, scendendo alla retribuzione di 28 ore e non 40, anche se loro continuarono a lavorare regolarmente 40 ore. L'accusa della Procura è che Bonina ha di fatto costretto i lavoratori all'accordo, dietro la minaccia del licenziamento.

Adesso toccherà all'imprenditore barcellonese, assistito dall'avvocato Francesco Aurelio Chillemi, offrire la sua versione dei fatti e difendersi, in fase di udienza preliminare.

Leggi anche: no al concordato, dichiarata fallita la società di Bonina

Licenziamenti gruppo Bonina, lavoratori incontrano presidente Tribunale

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Magari ci fosse solo Lui? Messina è piena di datori di lavoro come questo signore.Mancano i controlli, manca personale per controllare la grande evasione fiscale che regna in città.Il lavoro in nero è sempre più nero ,dipendenti con orari di 12 ore e 14 ore ovviamente gli straordinari rimangono nella nelle tasche dei datori .Viaggiando con una compagnia di pullman xxxxxxxxxxxxxxxx e parlando con l’autista (ecco perchè non si parla all’autista ) contratti fatti a 10 giorni, gli straordinari una chimera orari fuori legge e nessuno li controlla .A casa ho riflettuto ed ecco la mia risposta, ecco perché non paga nessuno il biglietto . Aveva ragione Cicerone nel dire: chi controlla il controllore?

    0
    0
  2. Io per essermi ribellato alle pretese del datore di lavoro ho perso il lavoro

    0
    0
  3. Buongiorno, Tempostretto è interessato a raccontare la sua storia. Se lei è d’accordo, contatti la redazione a questo indirizzo email: info@tempostretto.it.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007