L'altezza e l'origine del maremoto del 1908: le ultime novità dalla letteratura scientifica - Tempostretto

L’altezza e l’origine del maremoto del 1908: le ultime novità dalla letteratura scientifica

Daniele Ingemi

L’altezza e l’origine del maremoto del 1908: le ultime novità dalla letteratura scientifica

martedì 29 Dicembre 2020 - 08:10

In questi 112 anni trascorsi da quel tragico giorno molti ricercatori si sono impegnati a valutare questi fenomeni, studiandone attentamente gli effetti e lo sviluppo

Nella giornata di ieri si è celebrato il 112esimo anniversario del terremoto che cambiò la città di Messina. In questo articolo cercheremo di analizzare gli effetti prodotti dal maremoto che fece seguito alla potentissima scossa del 28 dicembre 1908. Sappiamo che al terremoto fece seguito, come causa indiretta, un maremoto. A determinarlo fu una grossa frana sottomarina avvenuta lungo la costa ionica a circa 80-100 km a largo di Capo Taormina, lungo la faglia “Messina-Giardini Naxos. Il corpo della frana scivolando a grandissima velocità lungo gli abissi dello Jonio favorì l’attivazione dell’onda del maremoto, che una volta formatasi si diresse con grande impeto verso le coste calabresi e siciliane. In meno di 5 minuti, secondo le testimonianze dei sopravvissuti raccolte nel 1910 dal geografo Mario Baratta, l’onda colpì dapprima l’area antistante l’evento franoso sottomarino, lungo la costa tra Giardini Naxos e Taormina.

In seguito, iniziò a propagarsi lungo la costa jonica messinese risalendo da sud, in direzione dello Stretto, con una velocità elevatissima, non inferiore ai 300 km/h (tipica degli tsunami). Prendendo in esame i dati raccolti da Giovanni Platania, illustre docente di Fisica terrestre all’Università di Catania, autore dello studio più dettagliato sugli effetti del maremoto, nel suo lavoro “Il maremoto dello stretto di Messina del 28 Dicembre 1908, si scoprono dei particolari molto interessanti.

A cominciare dal dato della massima altezza dell’onda che fu registrata a Capo S. Alessio (11.70 m), mentre valori notevoli (circa 89 metri) si segnalarono a Giardini Naxos (presso la stazione ferroviaria) e nel pittoresco borgo marinaro di Cala San Paolo (oggi Briga Marina) dove molte personei, rifugiatisi sulla spiaggia, vennero travolti dalle acque. Colpite notevolmente anche Scaletta Zanclea (8 metri di run-up e 200 metri d’ingressione) e Roccalumera, dove il mare inondò anche la Via Provinciale. In tutte queste località furono innumerevoli le barche trascinate a riva e gli alberi sradicati, numerosi i muri delle costruzioni danneggiati. Allagato anche il porto di Catania, con un run-up di 3 metri e con un’ingressione di circa 700 metri nella sua zona più a sud e non protetta dalla diga foranea (Tinti ed altri, 2008).

Effetti, sia pure più labili, vennero avvertiti anche più a Sud: a Siracusa (1.6 metri di run-up al ponte del canal grande) e perfino a Malta, dove il mareografo di La Valletta registrò oscillazioni anomale intorno al metro, circa un’ora dopo la scossa sismica. Variazioni del livello marino, sia pure limitate, si notarono anche nel Tirreno, a nord dello Stretto: a Nicotera, Tropea e Scalea il mare invase parzialmente la spiaggia. A Stromboli il mare avanzò di oltre 10 metri. Ma fu comunque nello Ionio che le onde si propagarono a più ampio raggio: oscillazioni vennero avvertite ad Ovest fino a Licata e Porto Empedocle, a nord fino ad Isola di Capo Rizzuto.

Cosa provoco il maremoto?

In questi 112 anni trascorsi da quel tragico giorno molti ricercatori si sono impegnati a valutare questi fenomeni, studiandone attentamente gli effetti e lo sviluppo, allo scopo di scoprirne le cause e le origini da un punto di vista scientifico. Se un grande dibattito s’è acceso per l’individuazione della faglia origine del sisma, altrettanto è accaduto per la sorgente dello tsunami, con tesi contrapposte. Per quasi un secolo s’è ritenuto che questo maremoto fosse stato direttamente generato dal sisma, per una rapida deformazione del fondale marino che causa uno spostamento di immense masse d’acqua e conseguenti onde sulla costa.

Ma con il passare degli anni e con l’affinarsi delle tecniche di indagine, qualche dubbio è affiorato. Oggi infatti la tesi più affermata indica come causa principale di questo tsunami non tanto il terremoto, quanto una frana sottomarina causata dal forte scuotimento del terreno. A sviluppare, con ampia dovizia di particolari, questa soluzione entra in gioco uno studio ben specifico.

Il primo parametro preso in considerazione riguarda i tempi di percorrenza dell’onda ovvero i minuti intercorsi tra lo sviluppo del terremoto e l’arrivo dello tsunami sulle varie località della costa. In base alle testimonianze coeve (Platania, 1909; Baratta 1910) fu stabilito, ad esempio, che a Giardini Naxos e Nizza le onde arrivarono nel giro di due-tre minuti dalle scosse sismiche mentre a Reggio Calabria e Messina tra i due eventi trascorsero almeno 8-10 minuti, forse anche 12-15 minuti per la zona di Capo Peloro. Già questo aspetto contrasta fortemente con la posizione dell’epicentro sismico (più vicino al Nord dello Stretto che a Giardini Naxos), ponendo molti dubbi ai ricercatori. Il secondo passo è stato, in base alla batimetria locale ed alle leggi che regolano lo sviluppo degli tsunami (in particolare la relazione tra velocità di propagazione e profondità dei fondali), considerare la velocità media delle onde intorno ai 300 km/h.

L’area dove si presume si sia staccata l’enorme frana sottomarina all’origine del maremoto

Con una semplice operazione aritmetica, per ogni località è stato poi moltiplicato il tempo di arrivo dell’onda per questa velocità, ottenendo così la distanza della località stessa dalla sorgente dello tsunami. Quindi, utilizzando la tecnica del cosiddetto tracciamento inverso delle onde di tsunami, su una mappa della zona si sono disegnate circonferenze di raggio pari alla distanza così ottenuta e centrate su ogni località in questione. In questo modo è stato possibile individuare l’area in cui i vari cerchi si intersecavano maggiormente: quella è diventata la zona più probabile della sorgente. Da qui ci si rende conto che la sorgente dello tsunami risultava molto più a sud dell’epicentro sismico, ad una distanza di almeno 40 km e posizionata a circa 40 km dalla costa di fronte a Giardini Naxos.

Dunque, considerando incontrovertibile la posizione dell’epicentro, terremoto e tsunami non rispondevano all’equazione causa-effetto. In altre parole, lo tsunami non sembrava generato dalla scossa sismica.

Una regola fondamentale nella ricostruzione degli tsunami vuole che il sito con il massimo run-up generalmente rappresenti la proiezione lungo la costa della sorgente o che comunque sia nei suoi pressi. Per lo tsunami del 1908 i dati mostrano valori di massima altezza, dai 9 ai 12 metri, sulla costa ionica tra Giardini Naxos e Capo S. Alessio, non propriamente vicini all’epicentro sismico. Un’ulteriore analisi delle informazioni ha permesso di osservare un aspetto fondamentale: lungo entrambe le coste in questo maremoto il run-up si riduce significativamente nello spazio di alcune decine di km e non, come nel caso di uno tsunami generato da un terremoto, su distanze ben maggiori (talora dell’ordine perfino di migliaia di km). Dunque, un’altra conferma alla teoria di una causa non sismica, corroborata da un altro dettaglio non trascurabile.

Le altezze delle onde sono state descritte nel libro di Giovanni Platania, “Il maremoto dello stretto di Messina del 28 Dicembre 1908. Le misure (in metri), rappresentano l’altezza dell’onda sul livello del mare. Le rilevazioni sono state eseguite lungo i porti o a terra e rappresentano l’altezza che raggiunse l’acqua sui muri delle case, lungo le scarpate delle ferrovie o su altri punti di riferimento. Ecco le altezze dell’onda che interessarono in particolare la Sicilia orientale, da nord a sud:

– Torre Faro 0.80 m

– Grotte 2.80 m

– Pace 4.70 m

– Paradiso (contrada Casicelle) 3.70 m

– Paradiso (a sud del villaggio) 2.40 m

– Messina (brigata marittima di P.S.) 3.0 m

– Messina (S.Raineri, difesa marittima) 3.0 m

– Messina (faro di S.Raineri) 2.60 m

– Messina (foce torrente Portalegna) 6.00 m

– Galati Marina (villa Rizzotto) 8.00 m

– Briga Marina (S.Paolo, casa Panarello) 8.50 m

– Giampilieri Marina (casa Palazzolo) 7.20 m

– Scaletta (casa Crimi) 8.00 m

– Itala marina (torrente) 7.90 m

– Ali Marina (torrente Bagni) 6.85 m

– Ali Marina (contrada Malambri) 7.30 m

– Ali Marina (torrente Mastroguglielmo) 8.40 m

– Nizza di Sicilia (quartiere Nave) 9.20 m

– Roccalumera (contrada Farina) 8.00 m

– Roccalumera (via Casazza) 7.00 m

– S.Teresa di Riva (contrada Furci) 5.80 m

– S.Teresa di Riva (contrada Bucalo) 6.10 m

– S.Teresa di Riva (contrada Barracca) 6.00 m

– S.Alessio (contrada Senna) 7.10 m

– Capo S.Alessio (presso la galleria) 11.70 m (massima altezza in Sicilia)

– Letojanni (a sud della galleria) 5.00 m

– Letojanni (villa Spisone) 5.85 m

– Isolabella (costa interna) 4.00 m

– Giardini (stazione ferroviaria) 9.00 m

– Giardini (capo Schisò, casa Lombardo) 8.20 m

– Fondachello (casa d’Agata) 5.60 m

– Riposto (lanterna) 5.80 m

– Torre di Archirafi 5.70 m

– S.Tecla (a sud del villaggio) 5.70 m

– Acireale (rada) 3.70 m

– Aci Trezza (stabilimento Amenta) 7.10 m.

– Aci Trezza (scalo) 5.00 m

– Ognina (bottega) 5.00 m

– Ognina (porto di Ulisse) 3.30 m

– Catania (casotto del maregorafo) 2.70 m

– Augusta (salina regina) 1.85 m

– Augusta (ponti di campagna) 2.00 m

– Siracusa (ponte del canal grande) 1.60 m

– Capo Passero 1.50 m

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007