"Noi, vittime della rivoluzione crocettiana in marcia a piedi fino a Roma, dal Papa" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Noi, vittime della rivoluzione crocettiana in marcia a piedi fino a Roma, dal Papa”

Rosaria Brancato

“Noi, vittime della rivoluzione crocettiana in marcia a piedi fino a Roma, dal Papa”

domenica 14 Settembre 2014 - 07:08
“Noi, vittime della rivoluzione crocettiana in marcia a piedi fino a Roma, dal Papa”

Ha fatto tappa a Messina la marcia a piedi di cinque operatori della formazione, da mesi senza stipendio. Partiti da Palermo il 9 settembre contano di arrivare a Roma e chiedere udienza al Papa per raccontargli la drammatica situazione di chi ha lavorato ma in questo momento è senza stipendi e senza futuro. "Siamo 8 mila lavoratori vittime della rivoluzione crocettiana"

Ad accoglierli, in riva allo Stretto, decine di lavoratori della formazione che conoscono la stessa sofferenza di una strada senza uscita, mesi senza stipendio, senza futuro, senza garanzie. Hanno fatto tappa a Messina i 5 operatori della formazione che hanno iniziato una marcia di protesta che li porterà a piedi fino dal Papa. Lo chiamano il viaggio della speranza, iniziato dopo aver provato ogni forma di protesta, lo sciopero della fame, l’incatenarsi ai cancelli, le manifestazioni davanti ad una Regione sorda ad ogni grido d’aiuto.

Daniela Lo Giudice , Giorgio Giampiccolo, Melinda Scuderi, Marco Cucuzza e Costantino Guzzo hanno iniziato la loro marcia a piedi martedì 9 settembre, da Palermo. Destinazione: Roma, chiedere udienza da Papa Francesco e raccontare cosa sta succedendo in Sicilia ai lavoratori della Formazione che pagano le conseguenze delle inchieste e di una politica regionale che si è fermata alla denuncia dimenticandosi di una riforma del settore adeguata alle esigenze dell’isola.

Ogni singolo lavoratore, perché non sono tutti “finti”, ci sono anche centinaia di persone che hanno iniziato a lavorare 15 anni fa, avanza dai sette ai quindici mesi di stipendio, dipende dall’Ente e dalla città d’appartenenza. Non tutti gli Enti sono finiti nel calderone dei Corsi d’oro e affini, ma tutti sono stati coinvolti da un comportamento della giunta guidata da Crocetta che ha finito con il non distinguere i buoni dai “cattivi”.

Sul banco degli imputati, dopo mesi di manifestazioni, denunce, ricorsi, gli operatori adesso mettono Crocetta, bypassando l’assessore al ramo, Nelli Scilabra che per lo più segue le direttive del governatore. Crocetta, secondo i cinque manifestanti “Usa l’alibi dell’antimafia e lascia sul lastrico intere famiglie”.

C’è chi, in questi mesi si è tolto la vita, chi si è incatenato ai cancelli, chi ha annunciato di voler vendere un rene, chi si è rivolto al Tar, chi è stato sui tetti dell’Ente per giorni e giorni, chi ha fatto lo sciopero della fame. Ma di stipendi arretrati e di risposte per il futuro neanche l’ombra.

Preferiscono parlare con il papa, e probabilmente anche con Renzi perché non si fidano più della politica regionale, la stessa che per anni ha fatto loro promesse, la stessa che, per moltissimi di loro, gli ha garantito un’assunzione in un Ente di formazione senza passare da selezioni o concorsi.

La marcia della speranza ha fatto tappa a Sant’Agata di Militello e poi a Messina e strada facendo i 5 hanno incontrato la solidarietà di tanti, perché è vero che le inchieste hanno messo a nudo un sistema “geneticamente modificato”, ma a tenere in piedi questo sistema sono stati gli operatori, quei dipendenti che hanno lavorato anche senza stipendi, per non dimenticare quei ragazzi che hanno visto negli Enti uno spiraglio per un futuro un po’ più vicino e che invece questa politica ha negato.

Perché alla fine, in questa disperata Sicilia, c’è sempre chi paga molto di più.

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. letterio.colloca 14 Settembre 2014 10:05

    Di sponda a quest’articolo,i “correlati”.
    Cosa sperano i 5 “viandanti” d’ottenere dal Papa, xxxxxxxxx di un’altra holding che xxxxxxxx da qualunque parte per autofinanziarsi?
    Un tempo il Papa scomunicava e -la Storia racconta- l’onesto trovava GIUSTIZIA;oggi,………
    Perché invece non “REIMPIEGARE TUTTE -anche le preesistente agli ultimi accadimenti e rivenienti da 50 anni di xxxxxxxxxx- LE RISORSE” del xxxxxxxxxx dei “correlati” per CREARE avvenire lavorativo?
    Perché non andarlo a “trovare nella prigione dorata” ed accompagnarlo a…xxxxxxxxxxxxx?
    In questo momento sto ascoltando le PAROLE del Papa:solo questo PUO’ fare!
    Ergo……

    0
    0
  2. letterio.colloca 14 Settembre 2014 10:05

    Di sponda a quest’articolo,i “correlati”.
    Cosa sperano i 5 “viandanti” d’ottenere dal Papa, xxxxxxxxx di un’altra holding che xxxxxxxx da qualunque parte per autofinanziarsi?
    Un tempo il Papa scomunicava e -la Storia racconta- l’onesto trovava GIUSTIZIA;oggi,………
    Perché invece non “REIMPIEGARE TUTTE -anche le preesistente agli ultimi accadimenti e rivenienti da 50 anni di xxxxxxxxxx- LE RISORSE” del xxxxxxxxxx dei “correlati” per CREARE avvenire lavorativo?
    Perché non andarlo a “trovare nella prigione dorata” ed accompagnarlo a…xxxxxxxxxxxxx?
    In questo momento sto ascoltando le PAROLE del Papa:solo questo PUO’ fare!
    Ergo……

    0
    0
  3. È bello che non si fidino più della politica regionale solo ora che sono finiti i soldi.

    Salvatore

    0
    0
  4. È bello che non si fidino più della politica regionale solo ora che sono finiti i soldi.

    Salvatore

    0
    0
  5. Conosco bene la storia della formazione professionale, la vivo dall’interno attraverso un parente residente in altra città siciliana, in quella parte della Sicilia si è consumato il dramma di un suicidio, un collega senza stipendio da mesi e senza altra alternativa lavorativa ha scelto di morire, grazie a Dio i cinque siciliani formatori hanno preferito la strada della vita e della lotta. La storia della formazione siciliana riassume il peggio della nostra politica, basta elencare i cognomi di chi l’ha utilizzata come voto di scambio, inoltre le indagini giudiziarie dicono anche in qualcosa di più: CUFFARO, LEANZA, LOMBARDO, e oggi CROCETTA non sa quali pesci pigliare, le casse della sua Regione sono vuote, assessori e burocrati sono incapaci di catturare risorse europee. SOLUZIONE o DILEMMA per la formazione professionale: formare i nostri giovani o mantenere diecimila siciliani con famiglia a carico. Raccogliere voti nelle urne per l’interesse generale dei siciliani o per i diecimila operatori della formazione? Un interrogativo drammatico per RE SARO Crocetta, a cui dovrà rispondere o con DILEMMA o una SOLUZIONE, tertium non datur,

    0
    0
  6. Conosco bene la storia della formazione professionale, la vivo dall’interno attraverso un parente residente in altra città siciliana, in quella parte della Sicilia si è consumato il dramma di un suicidio, un collega senza stipendio da mesi e senza altra alternativa lavorativa ha scelto di morire, grazie a Dio i cinque siciliani formatori hanno preferito la strada della vita e della lotta. La storia della formazione siciliana riassume il peggio della nostra politica, basta elencare i cognomi di chi l’ha utilizzata come voto di scambio, inoltre le indagini giudiziarie dicono anche in qualcosa di più: CUFFARO, LEANZA, LOMBARDO, e oggi CROCETTA non sa quali pesci pigliare, le casse della sua Regione sono vuote, assessori e burocrati sono incapaci di catturare risorse europee. SOLUZIONE o DILEMMA per la formazione professionale: formare i nostri giovani o mantenere diecimila siciliani con famiglia a carico. Raccogliere voti nelle urne per l’interesse generale dei siciliani o per i diecimila operatori della formazione? Un interrogativo drammatico per RE SARO Crocetta, a cui dovrà rispondere o con DILEMMA o una SOLUZIONE, tertium non datur,

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007