Mafia a Messina, confisca da 10 mln a Domenico La Valle, il pasticcere vicino ai boss - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Mafia a Messina, confisca da 10 mln a Domenico La Valle, il pasticcere vicino ai boss

Alessandra Serio

Mafia a Messina, confisca da 10 mln a Domenico La Valle, il pasticcere vicino ai boss

martedì 23 Marzo 2021 - 09:53

Sequestro definitivo per il patrimonio dell'imprenditore ritenuto organico al clan di Mangialupi

E’ definitivo il sequestro del patrimonio di Domenico La Valle, tra gli elementi apicali del clan Trovato, predominante a Messina sud, con base a Mangialupi. Aveva acquisito, in particolare, il ruolo di riferimento e di “cassiere” del clan, prima nella gestione delle bische clandestine poi nella distribuzione dei videopoker.

Il Tribunale Misure di Prevenzione ha confiscato beni per un valore di oltre 10 milioni all’imprenditore, un patrimonio che secondo la Guardia di Finanza non trovava giustificazione nei redditi leciti dichiarati al Fisco e gestito tramite prestanomi, per lo più familiari.

IL RUOLO DI PUNTA DI LA VALLE

L’associazione mafiosa si era disgregata dopo che i capi erano stati arrestati e altri componenti si erano pentiti, così La Valle era diventato il riferimento imprenditoriale della famiglia, assumendo un controllo quasi esclusivo delle attività illegali e facendo da contraltare al ruolo operativo dei fratelli Trovato, come testimoniato dalle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia alla base dell’inchiesta Dominio

La Valle era stato coinvolto in molti procedimenti penali sin dalla fine degli anni ’90 ma ne era uscito assolto fin quando, in primo grado a febbraio 2018 e in secondo a gennaio 2019, era stato condannato a 13 anni di reclusione per associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, violenza privata, gioco d’azzardo, reati fiscali, usura e lesioni.

Il clan ricorreva spesso alla violenza e alle estorsioni per imporre il proprio monopolio nel settore. La Valle riusciva a ordinare la collocazione delle apparecchiature presso gli esercizi commerciali della zona in cambio della protezione mafiosa del clan, anche con servizi di vigilanza e ronde notturne.

Alcuni titolari di sale giochi, che avevano subìto furti, invece che alla polizia, avevano chiesto l’intervento del clan Trovato, che era in grado di recuperare le somme rubate. In un caso, l’autore di un furto era stato rimproverato e si era scusato: “…maledetto io, perché gli amici non si toccano ed ora l’ho capito e non lo farò mai più” – dice intercettato.

I videopoker, tra l’altro, erano manomessi con appositi software. In un caso, un cliente cinese vince casualmente ma la sua vincita non è autorizzata dal clan e da La Valle, così viene pestato. “Non lo dovevate fare neanche giocare. Forza, ora ci dobbiamo fare dare i soldi“. E dopo il pestaggio: “Onestamente mi è dispiaciuto a quello, dopo un’ora e mezza ancora che asciugavo sangue ero…“.

Tag:

3 commenti

  1. Nstwviva il duce 23 Marzo 2021 16:08

    Evidentemente i cornetti e le brioche rendevano poco e ha cercato di arrotondare per mantenere la famiglia.

    0
    0
  2. E cosa risaputa che Messina è una città di delinquenti protetti .Come comune cittadino sa tutta la città chi sono è piena quello che fa vergognare tutti i Messinesi onesti è come mai sapendo nome ,cognome indirizzo ecc questi signori squazzano,come Paperon dei Paperoni, nei soldi e addirittura hanno al seguito intere famiglie.Dove sono le Istituzioni preposte? E tanto difficile eliminare questa gramigna altro che Covid Messina è infettata da questa pestilenza.

    1
    0
  3. Onestamente mi è dispiaciuto ,a quello dopo un’ ora e mezza ancora che asciugavo sangue ero……..e quando lo picchiavi se eri tu a farlo non ti dispiacevi? Tra l altro picchiarlo perché aveva vinto pulito in una macchinetta “sporca ” di avidità per arricchirsi sulla pelle di chi magari giocava accanendosi per riuscire a vincere senza sapere che la sorte non poteva esistere perché decideva il potere umano con la sua supremazia…..13 anni….. più o meno se non erro, quanto deve scontare Corona .e non sono la stessa gravità di reati…..la legge deve essere uguale per tutti ,bellissima frase…..peccato che rimane solo una bellissima frase …

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x