“Manteniamo il tram a Messina”. In piazza per dire no alla dismissione - Tempostretto

“Manteniamo il tram a Messina”. In piazza per dire no alla dismissione

Marco Ipsale

“Manteniamo il tram a Messina”. In piazza per dire no alla dismissione

sabato 20 Ottobre 2018 - 09:18
“Manteniamo il tram a Messina”. In piazza per dire no alla dismissione

Liberi cittadini contrari allo smantellamento della linea. Ecco i motivi

MESSINA – Tante città europee progettano nuove linee tranviarie, Messina è l’unica che pensa di dismettere quella che ha già. Per la quale, tra le altre cose, ha ottenuto un finanziamento da 11 milioni, per migliorare il percorso e aumentare le vetture. Una linea costata circa 75 milioni vent’anni fa, 113 milioni se si calcola la rivalutazione, ai quali aggiungere altri 25 milioni per dismetterla.

Un enorme sperpero di denaro pubblico, altro che risparmi. Sono alcuni dei motivi che hanno spinto liberi cittadini, in testa la studentessa Federica Arrigo, a scendere stamani in piazza Cairoli, per urlare a gran voce che loro, e la maggior parte dei messinesi, il tram lo vogliono eccome. “E' stato realizzato con fondi dell’Unione Europea – ha ricordato Federica -. Ci sono dei problemi, è vero, ma c’è un finanziamento apposito da 11 milioni per migliorare la linea e le vetture, che non può essere speso per altro e andrebbe perso. E di fondi se ne possono ottenere anche altri perché l’Unione Europea finanzia solo trasporto su ferro, non su gomma. Con quegli 11 milioni si potrebbero mettere in servizio 12 vetture, con un’attesa media di soli 5 minuti. Poi non diciamo che a Milano i servizi funzionano e da noi no. Se è così è perché non lo vogliamo. Spendere 25 milioni per dismettere la linea è assurdo. La nostra non è una posizione contro l’amministrazione De Luca, sarebbe stata contro chiunque avesse portato avanti quest’idea. Non ci interessa andare contro De Luca, ci interessa non andare indietro di trent’anni perché qualcuno si sveglia e decide che deve essere così”.

La tradizionale apatia dei messinesi non ha portato grandi numeri in piazza, molti si limitano a esprimere la propria idea sui social ma la partecipazione è comunque buona e l’amministrazione comunale ha il dovere di ascoltare i propri cittadini. E, fino a prova contraria, l’eliminazione del tram non l’ha chiesta in piazza proprio nessuno.

C’è chi se ne lamenta, e sarebbe interessante sapere se ne è un fruitore o meno, ma un servizio che ha delle pecche va migliorato, non abolito. Se una casa ha dei problemi, si pensa ad aggiustarla non ad abbatterla, a maggior ragione se ci sono i soldi per farlo, che altrimenti andrebbero persi. Secondo i numeri del bilancio 2016, l’ultimo disponibile, i passeggeri in un anno sul tram sono stati 3 milioni 360mila, circa 10mila al giorno. E la capienza di un tram equivale a quella di tre bus da 12 metri.

Da qualche anno, le vetture in servizio sono sei più due di riserva. Ma da qualche giorno sono state ridotte a cinque. Il progetto sembra quello del topo che rosicchia la corda un poco alla volta, fino a spezzarla alla lunga, con orizzonte giugno 2019, data prefigurata dal sindaco per la dismissione, insieme alla miriade di altri annunci. E in questo progetto sembra rientrare anche il piano sperimentale delle nuove linee bus, previsto per 60 giorni a partire dallo scorso 6 ottobre. Lo “shuttle”, su cui si basa, replica il percorso del tram per gli 8 chilometri del centro urbano, coi risultati negativi sotto gli occhi di tutti.

In contemporanea alla manifestazione, anche la raccolta firme "Partecipate!", organizzata da Cambiamo Messina dal basso per dire no, oltreché allo smantellamento della linea tranviaria, anche alla privatizzazione dei servizi essenziali: trasporto pubblico, acqua e rifiuti. La petizione è indirizzata all'Amministrazione e al Consiglio comunale. In quattro punti si chiede di "intraprendere ogni possibile azione per il pieno recupero dell'operatività del tram; rimodulare il nuovo piano tpl dimostratosi fallimentare e, intanto, ripristinare il precedente; interrompere ogni azione volta alla privatizzazione delle partecipare per impedire speculazioni ai danni del cittadino e della qualità dei servizi; revocare gli atti relativi a ipotesi di liquidazione delle partecipate".

(Marco Ipsale)

Tag:

4 commenti

  1. MessineseAttenta 20 Ottobre 2018 12:12

    Pensavo che le persone intelligenti fossero sparite, da Messina, sopraffatte dagli zalli che hanno votato per de luca (volutamente minuscolo).
    Sono felice di ricredermi.

    0
    0
  2. Se solo ragionassero invece di vivere di preconcetti e frasi fatte capirebbero che prima levano quell’obrobrio di tram e meglio è.

    0
    0
  3. A parte la protesta o meglio il cartello che l’ha rappresentata….l’intervista alla Rtp della studentessa universitaria, Provvidenti, lasciamo perdere questo aspetto. Ma parliamo della utilità di questo sistema di trasporto pubblico che ha affossato l’economia del centro di Messina, con la meravigliosa griglia di piazza cairoli, le palme del viale san martino e ci mancavano solo le scimmie e le banane. Per il resto una macchina con una perdita di 4 milioni di euro all’anno lascia poco spazio ai pinelli, radical chic e alle discussioni. De luca però farebbe meglio a non intervenire in problematiche non di sua competenza visto che un giorno si e l’altro pure si deve dimettere, solo che purtroppo non lo fa mai.

    0
    0
  4. Niente da fare. È una decisione ormai presa ed essendo negativa sarà attuata come tutte le cose di Messina. Però alla fine io Di Luca lo capisco e lo giustifico: alzarsi la mattina e non sapere quale piede appoggiare per primo a terra, è brutto. Perciò si sceglie di sparare m…….te una dietro l’altra con il rischio concreto di affossare definitivamente una realtà agonizzante. Comuque grazie Di Luca.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007