Mediterranei Invisibili, la svolta dei centri jonici: "Basta con i campanilismi" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Mediterranei Invisibili, la svolta dei centri jonici: “Basta con i campanilismi”

Gianluca Santisi

Mediterranei Invisibili, la svolta dei centri jonici: “Basta con i campanilismi”

sabato 19 Settembre 2020 - 17:23
Mediterranei Invisibili, la svolta dei centri jonici: “Basta con i campanilismi”

Amministratori e architetti a confronto nei locali dell'Antica Filanda di Roccalumera. Una visione d'insieme per valorizzare il territorio da capo a capo

ROCCALUMERA – Si è concluso il viaggio siciliano di “Mediterranei Invisibili – Viaggio sullo Stretto”, un progetto ideato dall’architetto di fama internazionale Alfonso Femia con il giornalista televisivo Giorgio Tartaro L’idea è quella di immaginare che la mappa mentale, urbana, politica e intellettuale dell’Italia e dell’Europa post Covid si costruisca anche a partire dai “Mediterranei Invisibili” del nostro Sud, affrancandolo dagli stereotipi che ancora lo avviliscono e mettendone in evidenza l’eccellenza ambientale, geografica e di pensiero.

Gli organizzato di questa terza edizione hanno scelto di viaggiare nella riviera jonica, e in particolare nel territorio dei comuni della Valle del Dinarini (Roccalumera, Furci, Pagliara e Mandanici) e della Valle del Nisi (Nizza, Fiumedinisi, Alì e Alì Terme) che stanno costruendo dei legami comuni con dei progetti di respiro comprensoriali.

Nella cornice dell’Antica Filanda di Roccalumera, fabbrica dismessa per la lavorazione della seta, oggi restaurata e trasformata in centro culturale, si è svolta lo scorso venerdì la prima serata del “talk” (nella foto). Protagonisti sono stati i sindaci e gli assessori alla cultura dei centri interessati, i quali hanno raccontato quanto da anni si stia lavorando sull’identità e appartenenza di questi luoghi e sul suo rilancio economico attraverso azioni di valorizzazione del territorio, sia capillarmente sia in una visione comune e unitaria di questa area “invisibile” a molti, tra Messina e Taormina. Gli amministratori di varie generazioni, tra i quali alcuni molto giovani, stanno lavorando insieme per dare valore al territorio che va da Capo Alì a Capo S. Alessio e spingere le nuove generazioni a trovare nei luoghi di nascita il loro futuro”. Il messaggio è chiaro: basta con campanilismi beceri.

La seconda serata si è svolta nel giardino del Castello D’Alcontres, singolare residenza fortificata affacciata sul centro storico di Nizza. Qui sono state approfondite singole esperienze di professionisti, architetti, artisti, rappresentanti di associazioni culturali. La narrazione è stata costruita sul dialogo, raccogliendo testimonianze, mettendo insieme visioni di persone autenticamente mediterranee, diverse per estrazione, età, ruolo, che condividono però l’identità del proprio territorio.

L’approfondimento dei singoli casi non è stato un mero esercizio di interesse culturale, ma la via per acquisire un’esperienza diretta che consenta di costruire proposte e sistemi di azione riproducibili. Attraverso il dialogo con sindaci, assessori, architetti e persone del luogo, “Mediterranei Invisibili – Viaggio nello Stretto” vuole tracciare una nuova geografia per la storia e lanciare una proposta di connessione dei valori del territorio sui temi concreti dell’infrastruttura, dell’agricoltura, del paesaggio, dell’architettura.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007