Messina. Bici elettriche: 10 mezzi sequestrati dai Carabinieri per modifiche illegali - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Bici elettriche: 10 mezzi sequestrati dai Carabinieri per modifiche illegali

Redazione

Messina. Bici elettriche: 10 mezzi sequestrati dai Carabinieri per modifiche illegali

sabato 04 Dicembre 2021 - 16:14

138 i mezzi controllati complessivamente nell'arco della settimana. I 10 conducenti hanno ricevuto sanzioni per guida senza patente e senza casco e per l'assenza di assicurazione e targa

MESSINA – Lotta serrata dei Carabinieri del comando provinciale di Messina alle bici elettriche modificate. Una settimana intensa, quella delle forze dell’ordine, che hanno impiegato il personale del Nucleo Radiomobile per controllare i tanti mezzi guidati in città e accertarsi su quelli che, modificati, finiscono per diventare veri e propri scooter. Secondo l’articolo 50 del codice della strada, i velocipedi sono considerati tali se hanno una potenza di 0,25 kw e se non superano la velocità di 25 km/h. Possono anche avere un pulsante che attivi il motore mentre il guidatore tiene fermi i pedali, purché così non si superino i 6 km/h. Per l’autista del mezzo non è obbligatorio il caso, né il mezzo deve essere immatricolato o avere sottoscritta un’assicurazione.

10 mezzi su 138 con modifiche illegali

138 i velocipedi controllati nel corso dei servizi in città. Tra questi sono stati trovati 10 mezzi modificati, che superavano il limite di velocità a pedali fermi. Così facendo, quindi, le biciclette finiscono per essere assimilabili a scooter e ciclomotori elettrici, per cui sono stati sequestrati. I conducenti sono stati sanzionati per guida senza patente, guida senza indossare il casco, per l’assenza dell’assicurazione e per la circolazione su veicoli privi di targa e immatricolazione.

4 commenti

  1. Ottimo lavoro dei cc, ma ovviamente non devono mancare i controlli serrati ad autoveicoli privi di ogni documento idoneo alla circolazione, provvisti di impianti audio potenti, che vanno a disturbare la quiete pubblica e tanto altro

    8
    0
  2. Nicola D'Agostino 5 Dicembre 2021 00:48

    Ogni tanto Ve lo ricordate di fare controlli !!!!

    3
    0
  3. Non sarebbe stato meglio destinare questi carabinieri a controllare le “note” zone di spaccio di droga?

    1
    0
  4. ora caminati a peti

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007