Messina, finisce in carcere... per non evadere dai domiciliari. Il caso

Messina, finisce in carcere… per non evadere dai domiciliari. Il caso

Alessandra Serio

Messina, finisce in carcere… per non evadere dai domiciliari. Il caso

martedì 05 Marzo 2024 - 09:36

La vicenda, breve ma paradossale, avvenuta a un 27enne. Quando la burocrazia incide anche negli affari di giustizia

MESSINA – Due giorni in carcere… per non evadere dai domiciliari. E’ il caso paradossale capitato ad un 27enne messinese, nei guai con la giustizia per motivi di droga. A raccontarlo è il suo legale, l’avvocato Valerio Antonino Miserendino, che ha chiesto ed ottenuto dal Tribunale di Sorveglianza che il suo cliente fosse scarcerato.

Il giovane, in carico ad un Sert cittadino per i suoi problemi di dipendenza, stava scontando la sua pena ai domiciliari ma è stato sorpreso da una pattuglia fuori dalla propria abitazione, da dove si era allontanato per acquistare una dose di crack. Perquisita l’abitazione, infatti, gli agenti hanno trovato poco meno di mezzo grammo della sostanza e una pipetta. L’evasione gli è costata l’arresto… ai domiciliari. Ciò accadeva il 26 febbraio scorso. Due giorni dopo il giudice lo convoca per un colloquio fissato il primo marzo, convocazione notificatagli il 29 marzo. Il magistrato però non sa che il 27enne è ai domiciliari anche per un altro provvedimento, nei fatti, firmato da un altro giudice. Così, il 27enne non compare al colloquio e il giudice che lo ha convocato lo spedisce in carcere venerdì 1 marzo.

Per l’avvocato Miserendino, è una incarcerazione ingiusta: il suo cliente non si è presentato al colloquio per non evadere dai domiciliari un’altra volta, visto che non era stato “autorizzato” espressamente per “gli altri” domiciliari, per esplicitare fuori di termini giuridici. Il giorno dopo il Tribunale di Sorveglianza accoglie il reclamo: pur restando a carico del detenuto il dovere di attivarsi per ottenere l’autorizzazione dall’altro giudice, in modo da recarsi al colloquio, è pure vero che la mezza giornata che aveva a disposizione ha reso questa operazione particolarmente difficoltosa. Quindi gli arresti in carcere vengono revocati.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007