Messina. Rinvio per l'ordinanza movida, Carbone ottiene l'audizione - Tempostretto

Messina. Rinvio per l’ordinanza movida, Carbone ottiene l’audizione

Redazione

Messina. Rinvio per l’ordinanza movida, Carbone ottiene l’audizione

mercoledì 03 Agosto 2022 - 07:30

Il 9 agosto saranno ascoltate le assessore Musolino e Cannata nella III Commissione

MESSINA – Slitta l’ordinanza sulla movida a Messina. Lo ha annunciato il consigliere comunale Dario Carbone (nella foto), di Fratelli d’Italia: “Questa mattina la III Commissione del Comune di Messina, che si occupa anche di Sviluppo economico, turismo e attività produttive, ha favorevolmente deliberato all’unanimità dei componenti la mia richiesta di audizione degli assessori proponenti l’ordinanza anti-movida Musolino e Cannata per la prossima seduta di martedì 9 agosto. Di conseguenza, l’entrata in vigore dell’ordinanza sarà rimandato all’esito della discussione di fronte alla Commissione”.

In ogni caso, subito dopo il confronto, è intenzione della Giunta Basile e dell’assessora Musolino procedere all’entrata in vigore del provvedimento il prossimo 10 agosto.

Questo è il commento di Carbone sui social: “Ringrazio tutti i consiglieri comunali – tanto di maggioranza quanto di opposizione – che hanno condiviso con me l’opportunità di analizzare pubblicamente una tematica così cara alla cittadinanza. Sono certo che l’amministrazione sarà disponibile ad apportare eventualmente i correttivi che emergeranno nel corso della seduta. Il tutto nell’interesse tanto dei residenti quanto dei gestori delle attività commerciali messinesi”.

“Il rischio è che i giovani vadano altrove”

Nei giorni scorsi, il consigliere aveva chiesto dei correttivi all’imminente ordinanza: “Chiedo che venga eliminata la previsione per cui i locali della riviera possano avviare attività legate alla musica soltanto a partire dalle ore 21. E non più anche nelle ore pomeridiane, come avviene da anni in maniera consuetudinaria tanto a Messina, quanto in centinaia di altre località turistiche e balneari anche della nostra stessa provincia”.

Questa la conclusione dell’esponente di Fratelli d’Italia: “Non lamentiamoci e piangiamoci addosso se la nostra città non viene considerata una città per giovani. E se, nel periodo estivo, vengono predilette altre mete, visto che vengono varati provvedimenti anacronistici”. 

Articoli correlati

Tag:

7 commenti

  1. Evidentemente lui abita da tutt’altra parte. E d’altronde cosa volete gliene freghi di chi, dovendo lavorare per vivere, è costretto ad alzarsi presto ogni mattina che Dio manda in terra? Evidentemente non ha questo problema! Ricordatelo al momento giusto!

    25
    7
    1. A settembre si vota

      5
      2
  2. bonanno giuseppe 3 Agosto 2022 11:15

    e me tempi i GIOVANI sai dove andavano ?????stipati in 5 con la 500 da PAOLONE, alla GIARA TAVERNA DEI CORSARI , LE ROCCE, TOUT VA etc etc ….Taormina Giardini….LE CUPOLE MILAZZO , LA PINETA PATTI, LA TARTARUGA Capo d’Orlando….scusate se ne dimentico altri…..e Poi GRANATARI, LIDO DI MORTELLE, non si rompeva le scatole ai cittadini che volevano dormire perche poi il mattino dopo andavano a lavorare…….ora abbiamo eliminato le BARACCHE e ne COSTRUIAMO A GO GO sulla liTORANEA ..

    14
    5
  3. Fate trasferire il consigliere Carbone a Pace e fatelo alzare la mattina presto per andare a lavorare e forse capirà.

    9
    2
  4. Il solerte consigliere in fin dei conti difende l’interesse del suo bacino di voti.

    8
    2
  5. Se costui pensa che Messina non è la città dei GIOVANI, SOLTANTO perché non gli si concede loro di fare BALDORIA,e SREGOLATEZZE,😳 bèh è messo VERAMENTE MALE ,in quanto considera i GIOVANI VUOTI A PERDERE come le numerose 🍾🍾che lasciano nei loro festeggiamenti ad oltranza proprio perché SENZA REGOLE 😡….i GIOVANI vanno messi nelle condizioni di avere un FUTURO LAVORATIVO che comprende anche il divertimento SANO e SPENSIERATO tipico della loro bellissima età ….devono sapersi comportare, perché non possono fare tutto quello che gli passa per testa ,e la stessa regola vale per tutti noi ,quindi che parla a fare? E mi meraviglio di quelli che gli stanno dando corda.fscendo slittare l’ordinanza che necessitava fosse immediatamente ESECUTIVA… mi sembra che stiano attuando una catena di salvataggio …. sì al PEGGIO 🙄!!!!!

    9
    2
  6. Certo è giusto diamo sempre da mangiare agli altri e poi ci lamentiamo che non c’è lavoro e prospettive di rinascita, mi convinco sempre di più che i cervelli sono andati in ferie da tanto tempo….

    2
    7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007