Ponte, ecco la geografia degli espropri se il progetto partirà NOMI e PARTICELLE

Ponte, ecco la geografia degli espropri se il progetto partirà NOMI e PARTICELLE

Redazione

Ponte, ecco la geografia degli espropri se il progetto partirà NOMI e PARTICELLE

Tag:

mercoledì 03 Aprile 2024 - 07:00

Con l'avviso dell'avvio del procedimento d'acquisizione, la società "Stretto di Messina" pubblica l'elenco e i dati catastali tra abitazioni e beni

Il progetto del ponte: sul sito della società “Stretto di Messina” c’è l’avvio del procedimento sugli espropri. Una sorta di geografia degli espropri, con l’elenco di 1600 “ditte”, tra abitazioni civili e vari beni, con i dati catastali. Da considerare pure le situazioni di asservimento, per le quali è necessaria la “servitù” e non l’acquisione del bene. Qui l’elenco di tutti i possibili espropriati, dal Comune di Messina.

Come annunciato ieri, “l’Avviso di avvio del procedimento è volto all’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e alla dichiarazione di pubblica utilità. Dichiarazione che sarà sancita con l’approvazione del progetto definitivo del ponte sullo Stretto di Messina da parte del Cipess. In linea con l’iter autorizzativo previsto dal quadro normativo, la pubblicazione dell’Avviso è un atto conseguente all’approvazione da parte del Consiglio di amministrazione della Stretto di Messina dell’aggiornamento del progetto definitivo dell’opera, alla consegna degli elaborati progettuali ai ministeri e alle autorità competenti e all’avvio della Conferenza di servizi”.

Sul sito della società si possono consultare sia il lato messinese, con i vari Comuni, sia quello che coinvolge i Comuni calabresi. Il tutto con i piani particellari d’esproprio e l’elenco.

In particolare, “per la quantificazione degli immobili oggetto di espropriazione, di asservimento e di occupazione temporanea per cantierizzazione e la relativa stima dei costi, sono stati redatti gli elaborati per l’aggiornamento del progetto definitivo. L’elenco ditte è suddiviso in due sezioni, nella prima sono indicati tutti i beni immobili di proprietà privata, la seconda sono riportati quelli non espropriabili, quali strade, ferrovie e corsi d’acqua”.

Gli sportelli informativi e le osservazioni da inviare entro 60 giorni

Si legge nell’Avviso:

  • I soggetti di cui all’Elenco Ditte ed i cui beni sono interessati dalle procedure espropriative, potranno consultare, unitamente al presente Avviso come sopra indicato, il Piano particellare nonché l’Elenco delle ditte proprietarie come da intestazioni catastali e la Relazione esplicativa, al seguente indirizzo Internet, immediatamente consultabile, https://www.strettodimessina.it e per 60 giorni a partire dall’ 08/04/2024, previo appuntamento telefonico ai numeri: 06.85826210 – 06.85826230 – 06.85826270:
  • a Messina presso il Palacultura Sala Rappazzo (piano terra) sito in Viale Boccetta, 373 tutti i Lunedì, Martedì e Mercoledì, rispettivamente il lunedì’ dalle h 15.00 alle h 17.00 e il martedì ed il mercoledì dalle h. 9.00 alle h.13.00 e dalle h. 15.00 alle h. 17.00, ad esclusione dei giorni festivi
  • a Villa San Giovanni presso la ex sede della Pretura sita in via Nazionale Bolano, 541 tutti i Giovedì e Venerdì, rispettivamente il Giovedì dalle h. 9.00 alle h.13.00 e dalle h. 15.00 alle h. 17.00 e il venerdì dalle h 9.00 alle 13.00, ad esclusione dei giorni festivi.
  • entro il termine perentorio di 60 giorni, i soggetti coinvolti dall’Intervento ed ogni altro interessato avente diritto possono presentare le loro eventuali osservazioni in forma scritta a mezzo raccomandata A.R. indirizzata al Responsabile del Procedimento Espropri geom. Michelangelo Difrancesco, competente per la relativa procedura, presso la sede legale della società Stretto di Messina S.p.A. via Marsala, 27 00185 Roma, ovvero tramite PEC all’indirizzo info@pec.strettodimessina.it.

I criteri per l’esproprio: il valore di mercato del bene

Si legge nel documento: “A seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 181 del 10 giugno 2011, che ha reso incostituzionali i commi 2 e 4 dell’art. 40 del DPR n. 327/2001 e s.m.i., per tutti gli immobili
oggetto di espropriazione, asservimento ed occupazione temporanea, il parametro economico di riferimento per la quantificazione della relativa indennità è il valore di mercato del bene.
Più specificatamente la suprema Corte, nel merito della valutazione della indennità da offrire agli
aventi diritto, ha in concreto stabilito che:
a) La valutazione va fatta tenendo in considerazione il valore di mercato dei siti
b) Va riconosciuto al proprietario il giusto o serio ristoro per l’esproprio
c) Devono essere considerati tutti i requisiti specifici posseduti dal bene
d) Le valutazioni delle aree devono essere fatte, già in sede di offerta dell’indennità
provvisoria, in base a valori adeguati”.

Articoli correlati

11 commenti

  1. Per la vanagloria di un padano tutti a zerbino. Vergogna!

    34
    30
  2. Speriamo che non partirà…

    30
    27
  3. Guardando gli orari di questi “sportelli informativi” è evidente che qualcuno del Ministero e/o della società scende da Roma il lunedì mattina, riceve a Messina da lunedì pomeriggio fino a mercoledì, poi si trasferisce a Villa San Giovanni il giovedì e il venerdì mattina e torna su a Roma il venerdì pomeriggio. Non mi sembra che stiano trattando la cosa con grande serietà.

    28
    10
  4. Salvini eroe dei due mondi ahahahahahah
    Ma come si può dimenticare cosa diceva anni fa
    Robe da matti

    32
    29
  5. Ma questi non hanno neanche i dati catastali aggiornati… E vogliono fare gli espropri!
    4 particelle del Foglio 44 occupate da più di 30 anni dalla strada Panoramica dello Stretto gli risultano intestate a mio padre morto da 15 anni!
    Se il buon giorno si vede dal mattino…

    28
    29
  6. Questa volta i messinesi hanno l’occasione, forse l’ultima, di dimostrare di non essere buddaci e codardi. No Ponte!

    31
    26
  7. Leggendo il file si vede che c’è coinvolto pure l’ospedale Papardo, bravi, veramente e complimenti!

    26
    23
  8. Poiché la Regione contribuirà con un miliardo e mezzo di euro circa, sottrarrà fondi alla sanità. Quindi il Papardo può divenire vittima sacrificale, perché senza fondi vedrà ridotte le prestazioni ai minimi. Espropriamo un paio di padiglioni
    , tanto…

    18
    15
  9. Ma Basile non ha proprio niente da dire? Ma chi è il vero sindaco?

    22
    23
  10. Cari politici No Ponte
    Voi che affermate di agire sempre a tutela dei cittadini
    FERMATE QUESTO SCEMPIO!!!!

    23
    24
  11. anche se usano la forza non uscite dalle vostre case

    17
    12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007