Porta a porta in centro, Musolino e Lombardo al Pd: "Rinnegano i fatti per fare speculazione" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Porta a porta in centro, Musolino e Lombardo al Pd: “Rinnegano i fatti per fare speculazione”

Rosaria Brancato

Porta a porta in centro, Musolino e Lombardo al Pd: “Rinnegano i fatti per fare speculazione”

martedì 29 Dicembre 2020 - 09:05
Porta a porta in centro, Musolino e Lombardo al Pd: “Rinnegano i fatti per fare speculazione”

L'assessore e il presidente di Messina servizi bene comune replicano alla nota del Pd sui disagi per la differenziata al centro

Pura speculazione politica per rinnegare la realtà delle cose e non riconoscere che il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti a Messina funziona e va migliorando ogni giorno”. E’ la sintesi della replica dell’Assessore alle Politiche ambientali Dafne Musolino e del Presidente della Messina Servizi Giuseppe Lombardo agli esponenti del Pd (Hyerace, Smedile e Martino) che ieri hanno evidenziato le criticità dell’ avvio della raccolta porta a porta nelle zone del centro.

La nota dei 3 Pd

I tre dem del circolo Messina 4 hanno anche suggerito alcune proposte ribadendo che il metodo della differenziata applicato nelle altre zone della città rischia di essere ulteriormente inadeguato al centro, dove vi sono caratteristiche diverse. Tra i modelli suggeriti c’è l’implementazione delle isole ecologiche o l’uso sperimentale dei cassonetti intelligenti ai quali accedere con tessera personalizzata o ancora riduzione Tari per chi si rivolge a ditte private per l’espletamento del servizio.

Il Pd: “disagi e costi”

Nel centro città, secondo i dem, il sistema sarebbe destinato a fallire per due ragioni: la prima è che molti condomini sarebbero stati costretti a rivolgersi a ditte private che “si occupano raccogliere il sacchetto del privato e provvedono anche alla consegna dei carrellati agli operatori di Messinaservizi, occupandosi poi della loro ricollocazione e custodia” rendendo un servizio “privato e complementare” oltre che costoso. La seconda ragione sarebbe costituita dalla maggiore concentrazione di piccole attività commerciali nell’area del centro, che non disporrebbero degli spazi per ospitare i carrellati al loro interno.

La replica: sconcertati

Siamo francamente sconcertati da tanta semplicistica e approssimativa ricostruzione dei fatti – commentano Musolino e Lombardo– con la quale si finisce con l’affermare che siccome i condomini non sarebbero in grado di eseguire una corretta raccolta differenziata e conferirebbero i rifiuti in modo non conforme alle norme, la colpa di un eventuale disservizio sarebbe dell’Amministrazione, rea di avere imposto un sistema di raccolta “porta a porta” che evidentemente sembra essere troppo evoluto per potere essere attuato! Secondo i firmatari i cittadini incapaci di fare la raccolta differenziata, per evitare che i loro rifiuti non vengano raccolti perché conferiti in modo errato, sarebbero “costretti” (ma da chi? Non è dato saperlo) a rivolgersi a ditte private che ritirano i sacchetti presso gli appartamenti, ne verificano il contenuto e poi lo conferiscono all’interno di carrellati che consegnerebbero agli operatori della Messina servizi! Evidentemente non conoscono come funziona il servizio di raccolta dei rifiuti in città nè come la gestione dei rifiuti è disciplinata dalla legge in generale. I firmatari non conoscono il regolamento che prevede che la Messina Servizi Bene Comune spa garantisce un servizio di raccolta dei rifiuti domestici con il sistema porta a porta, accedendo anche all’interno delle aree condominiali”.

“Sconoscono norme e regole”

La scelta di rivolgersi alle ditte private, spiegano gli amministratori, per farsi ritirare il sacchetto direttamente sull’uscio di casa non è motivata da un’ incapacità nella differenziazione dei rifiuti ma da una motivazione di tipo pratico di chi preferisce demandare ad altri l’operazione di conferimento del materiale di scarto nei carrellati condominiali. I rifiuti, per legge, appartengono al Comune che ne ha affidato il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento solo ed esclusivamente alla Messina Servizi, coprendo il costo dell’intero servizio con la tariffa TARI. L’attività che viene demandata da alcuni Condomini alle ditte private non rientra pertanto nel servizio di raccolta dei rifiuti, che è di esclusiva spettanza della Messinaservizi, ma costituisce una mera attività di raccolta di materiali dalle abitazioni private e di conferimento nei carrellati condominiali. Per tale ragione l’affermazione secondo la quale l’attività affidata dai Condomini costituisce un servizio “privato e complementare” è giuridicamente errata e fuorviante, inducendo a ritenere che si tratti di una specie di sub appalto del servizio di raccolta dei rifiuti che è vietato dalla Legge e dallo stesso contratto di servizio.

“Norme in vigore da 4 anni…..”

Ai tre firmatari della nota- continuano Musolino e Lombardo- spiace ricordare che sin dal 2016 con ordinanza sindacale è fatto assoluto divieto alle attività commerciali a conferire i rifiuti presso i punti di raccolta (cassonetti) stradali, essendo obbligati gli stessi a procedere con immediatezza allo smaltimento in modo differenziato dei rifiuti prodotti, anche autonomamente, con soggetti autorizzati. Si sono ricordati solo adesso, dopo 4 anni, che le attività commerciali erano già tenute ad eseguire la raccolta differenziata dei rifiuti. Forse, la ragione di tale improvviso interesse per le attività commerciali è da ricercarsi nelle lamentele di chi, nonostante fosse già obbligato dal 2016 a conferire i rifiuti in modo differenziato, continuava ad utilizzare i cassonetti filo strada e che adesso, a causa della eliminazione dei cassoni filo strada e dell’intensificarsi dei controlli con l’applicazione delle relative sanzioni, si rivolge ai soliti noti per risolvere il suo problema”.

MSBC: garantiamo il servizio

Messina Servizi inoltre garantisce per le attività commerciali il servizio di ritiro dell’umido con cadenza giornaliera compresa la domenica, per la carta e il cartone il servizio viene espletato dal lunedì al sabato mentre per la plastica ed il vetro la società garantisce il ritiro due volte la settimana ed una volta la settimana per l’indifferenziato. Durante il periodo estivo, inoltre, la raccolta del vetro nei locali della litoranea è stata garantita con cadenza giornaliera.

Quelle pessime abitudini…

I lamentati disagi per le attività commerciali, quindi, sono forse da imputare più ad una certa insofferenza al rispetto delle regole che non ad una pretesa inefficienza del servizio. Messina Servizi garantisce un servizio che è in linea con quello delle altre città metropolitane ed anzi per le modalità di esecuzione, risulta anche più evoluto. Basti pensare che anche a Roma la raccolta differenziata nel centro città avviene con il sistema dei sacchetti esposti sul suolo pubblico, con la differenza che a Roma il Gestore del servizio non entra nelle aree condominiali, onerando gli utenti di esporre i rifiuti sull’area pubblica e poi ritirare i mastelli ed i carrellati. Allo stesso modo si regolano i gestori del servizio nelle città di Bologna, Bari, Torino, Milano”.

Cassonetti-discariche

Sulle proposte presentate da Hyerace, Smedile e Martino, la replica prosegue sottolineando come i cassonetti intelligenti sul filo strada risultano in contrasto con le disposizioni regolamentari, con le quali si è scelto di attuare un modello di raccolta che prevede l’eliminazione dei cassoni dalla strada. Peraltro l’esperienza degli anni passati ha fatto comprendere come ogni punto di raccolta che non sia sorvegliato, per quanto organizzato o destinato al conferimento anche di una sola tipologia di rifiuti (come ad esempio i cassoni per la raccolta degli abiti usati) viene utilizzato come punto di conferimento abusivo. Posizionare adesso sulla strada dei cassonetti, per quanto “intelligenti”, costituirebbe un inaccettabile passo indietro nel percorso di educazione ambientale.

Le isole ecologiche

Per quanto attiene invece all’invito ad implementare le isole ecologiche, l’Amministrazione ha già presentato la richiesta di finanziamento alla Regione per l’implementazione dei CCR esistenti, ma nel frattempo sono attive già da anni e funzionanti 6 isole ecologiche attraverso le quali, solo nell’anno 2020 sono state raccolte oltre 3.000 tonnellate di cartone, carta, plastica, metalli e vetro, oltre a centinaia di tonnellate di ingombranti e RAEE, dimostrando di essere apprezzate e ben utilizzate dalla popolazione cittadina.

Infine Musolino e Lombardo ricordano che l’amministrazione sulla gestione della raccolta differenziata si è confrontata con la città e le sue rappresentanze, Anche l’invito finale rivolto a questa Amministrazione a rapportarsi con la città e le sue rappresentanze, con gli Amministratori di Condominio, con le Associazioni di Categoria, con le Circoscrizioni, con le Istituzioni scolastiche.

Articoli correlati

Tag:

5 commenti

  1. Salvatore Giambò 29 Dicembre 2020 10:41

    Quanta decadenza per un partito che dovrebbe essere “progressista” come il PD, che i suoi esponenti lancino appelli per sostenere tutti quelli che non vogliono fare neppure un piccolo sforzo per la raccolta differenziata e che preferirebbero gettare i rifiuti nei cassonetti come in passato.

    13
    3
  2. Dottore Lombardo perché non dà un buon esempio? Venga a lavorare almeno un anno alla messinaservizi come operaio

    4
    1
  3. Ma la piantassero! Le attività commerciali e i condomini ci sono anche in periferia, non solo a piazza cairoli e la differenziata la facciamo tutti quanti.

    2
    3
  4. Basta dire differenziata per gonfiarsi il petto. Forse sarebbe stato meglio informarsi sulle eccellenze di grandi città per potere offrire un vero servizio ai cittadini che alle condizioni spiegate da questi signori mi sembra tutto fatto in modo tale che il cittadino pagante deve sentire puzza nell’androne e provvedere a pulire il famoso scarrellato condominiale e poi provvedere a rientrare (ma che belle trovate!!! ) senza parlare dello schifo sui marciapiedi. Orari da corsa a sbrigarsi a buttare in un arco di tempo ridicolo come soldatini scemi . Questa non è differenziata è solo fregiarsi di averla fatta. Vogliamo una card con contenitori non da tenere in condominio ma in strada come fanno le città metropolitane che garantiscono servizi eccellenti e non ciofeche. A conclusione dico ma che schifo il monnezzaro differenziata di Messina

    6
    1
    1. Buon giorno,ora che il centro di Messina comincia a vedersi più pulito ed ordinato,l’amministrazione si organizza per portare più rifiuti e puzza per le nostre strade centrali.Valutino bene le conseguenze delle loro azioni!!!

      1
      1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x