Protezione Civile. A Stromboli i giovani imparano ad affrontare i rischi ambientali - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Protezione Civile. A Stromboli i giovani imparano ad affrontare i rischi ambientali

Salvatore Di Trapani

Protezione Civile. A Stromboli i giovani imparano ad affrontare i rischi ambientali

martedì 10 Settembre 2019 - 16:02
Protezione Civile. A Stromboli i giovani imparano ad affrontare i rischi ambientali

Si è trattato di un campus a tema, dedicato alle tematiche dei rischi ambientali e delle principali norme di sicurezza. L’iniziativa è stata lanciata nell’ambito del progetto “Anch’io sono la Protezione Civile”.

Un’iniziativa di successo, il campo scuola proposto a Stromboli nell’ambito del progetto “Anch’io sono la Protezione Civile”. Dal 4 al 9 settembre sono state diverse le attività proposte, dedicate al tema dei rischi ambientali e delle principali norme di sicurezza da seguire.

Ad essere coinvolti sono stati circa 20 giovani tra i 10 e i 14 anni. Il progetto è stato realizzato grazie alla collaborazione tra il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il DRPC Sicilia, il PROCIV Italia e i VIS – Volontari Isola Stromboli.

“Investire sulla formazione -spiega Calogero Foti, capo del Dipartimento della Protezione civile della Presidenza della Regione Siciliana- è la chiave vincente se vogliamo operare un reale cambiamento nella nostra società. I giovani di Stromboli, sottoposti in questi mesi a disagi e preoccupazioni a causa dell’attività del vulcano –aggiunge – sono particolarmente sensibili e ben predisposti ad assimilare ogni informazione che viene loro consegnata per proteggersi e proteggere. Lavorare per diffondere una cultura della protezione civile è l’unico modo per ridurre nel lungo termine i rischi legati all’incapacità di affrontare le catastrofi ambientali.

Per la realizzazione del campus, che ha proposto attività come simulazioni e lezioni teoriche, sono state coinvolte diverse entità e tecnici esperti. Nello specifico il Corpo Forestale della Regione Siciliana ha affrontato il tema dell’avvistamento e del contrasto degli incendi boschivi, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Bologna si è occupato del rischio vulcanico, mentre il DRPC Sicilia ha informato i ragazzi sul rischio tsunami. Presente, nel corso degli incontri, anche il sindaco di Lipari che ha voluto dare il proprio supporto.

L’intero campo è stato organizzato, inoltre, sfruttando soluzioni energetiche eco-sostenibili –necessarie anche dinanzi ad eventi calamitosi e blackout e dunque funzionali anche all’esperienza formativa.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007