Il giudice del lavoro ‘aiuta’ De Luca: atti di Accorinti illegittimi - Tempostretto

Il giudice del lavoro ‘aiuta’ De Luca: atti di Accorinti illegittimi

Il giudice del lavoro ‘aiuta’ De Luca: atti di Accorinti illegittimi

mercoledì 18 Luglio 2018 - 13:26
Il giudice del lavoro ‘aiuta’ De Luca: atti di Accorinti illegittimi

La Uil-Fp aveva presentato ricorso contro i provvedimenti su Posizioni organizzative e Alte Professionalità esitati dall’ex giunta e adesso è arrivata la sentenza che dà ragione al sindacato

“Il giudice del Lavoro del Tribunale di Messina, Laura Romeo, ha decretato l’illegittimità delle delibere del Comune di Messina riguardanti le Posizioni organizzative e Alta professionalità del personale. A darne notizia è, con un comunicato, la Uil-Fp, rappresentata dal segretario generale, Pippo Calapai, e assistita dall’avvocato Oreste Puglisi, che commenta: “ I provvedimenti, fortemente voluti dalla giunta guidata dall’ex sindaco Renato Accorinti e sostenuti dall’allora direttore generale, Antonino Le Donne, dovranno così essere ritirati con effetto immediato”.

Il sindacato aveva presentato ricorso contro i provvedimenti esitati dalla giunta Accorinti (vedi qui) e il Tribunale gli ha dato ragione, dando involontariamente una grossa mano a De Luca, che vuole revocare gli avanzamenti dei 127 funzionari prescelti (vedi articolo a parte).

“Nel dispositivo della sentenza- spiega ancora la Uil-Fp – si legge testualmente che il Comune di Messina non ha tenuto corrette relazioni sindacali, nella fattispecie con la Uil-Fpl. A ciò si aggiunga che lo stesso Comune, benché vi sia l’obbligo per legge, non ha tenuto conto della preventiva informazione e consultazione delle Organizzazioni sindacali, in materia di valutazione delle Posizioni organizzative. Il sindacato è stato quindi completamente escluso dalle trattative per la definizione dei criteri per le relative selezioni”.

“Alla luce di questa importante sentenza che rende giustizia ai lavoratori esclusi e fortifica la nostra azione sindacale all’interno di Palazzo Zanca – affermano Pippo Calapai, Fabrizio Nicosia ed Emilio Di Stefano, rispettivamente segretario generale, responsabile provinciale e rappresentante aziendale -, ci auguriamo che la nuova amministrazione prenda atto del grande pasticcio compiuto dalla giunta Accorinti e invii le carte alla Corte dei Conti. La Uil-Fpl ha sempre condotto battaglie a tutela dei lavoratori, e questo successo si inquadra nell’ambito della nostra azione sindacale”.

“ Infine, ci auguriamo che il segretario generale, Antonino Le Donne, lo stesso che aveva promesso di asfaltare il nostro sindacato, con moto d’orgoglio rassegni le proprie dimissioni. O se non lo dovesse fare, vogliamo sperare che il sindaco Cateno De Luca possa intervenire per ottenere il trasferimento di colui il quale ci sera stato presentato come il ‘Balotelli’ dei tempi d’oro della precedente amministrazione”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007