Sanità: le aziende private chiedono alla Regione l'avvio di un confronto - Tempo Stretto

Sanità: le aziende private chiedono alla Regione l’avvio di un confronto

.

Sanità: le aziende private chiedono alla Regione l’avvio di un confronto

. |
sabato 21 Settembre 2019 - 08:20
Sanità: le aziende private chiedono alla Regione l’avvio di un confronto

L'Aiop evidenzia i rischi in un momento di grave crisi del comparto

L’Aiop chiede alla Regione e all’Ars l’apertura di un tavolo di confronto per discutere del personale della componente di diritto privato del servizio sanitario regionale. Un sub emendamento contenuto nel collegato alla finanziaria regionale 2019, in calendario a Sala d’Ercole, prevede modifiche degli standard di personale infermieristico e parasanitario rispetto a quanto previsto dalla legge regionale che, attualmente, regolamenta le strutture. 

L’allarme della sanità privata

L’Aiop  – che in Sicilia rappresenta  52 aziende sanitarie ospedaliere di diritto privato e 7 RSA, tutte accreditate con il Servizio sanitario regionale, le quali, con circa 7.000 lavoratori, garantiscono 183.000 prestazioni ospedaliere/anno e 1.100.000 prestazioni specialistiche ambulatoriali/anno – ritiene che la proposta di legge creerebbe effetti destabilizzanti sul comparto, in una fase nelle quali i tetti di spesa sono bloccati dal 2007.

Rischio crisi

In una lettera inviata ai presidenti della Regione e dell’A.r.s., all’assessore alla Salute e alla Sesta commissione sanità dell’A.r.s., il presidente di Aiop Sicilia, Marco Ferlazzo, sottolinea: “La proposta di emendamento ha suscitato allarme nel comparto in quanto, se dovesse essere approvata in questo momento, rischierebbe di mettere in crisi le aziende. L’Associazione non si oppone, in linea di principio, ad una revisione degli standard di personale contenuti nella legge, consapevole che si tratta di una legge datata che necessita di una manutenzione. Tuttavia, vanno effettuate alcune considerazioni rispetto all’opportunità di rivederla in questo particolare momento storico, nel quale le nostre aziende sono in uno stato di sofferenza e di precarietà: la Sicilia è da 12 anni in piano di rientro, per cui le aziende hanno subito tutte le misure restrittive in esso contenute.

Inoltre, le aziende, per ottenere l’accreditamento istituzionale con la Regione, hanno dovuto adeguarsi ai nuovi standard dell’accreditamento e, recentemente, si sono, altresì, dovute adeguare ai nuovi standard ministeriali del 2015 recepiti dalla regione. Tutto quanto sopra, se da un lato ha aumentato il livello di qualità delle strutture e delle prestazioni, ha, dall’altro, richiesto un impegno economico-finanziario non indifferente per la componente di diritto privato del Sistema sanitario regionale, per cui molte aziende sono in sofferenza e/o in equilibrio precario. Ci troviamo, peraltro, in una fase particolarmente delicata e complessa di riapertura delle trattative per il rinnovo contrattuale, a livello nazionale. . In considerazione di questo scenario complessivo – conclude Ferlazzo – chiediamo alle Istituzioni di riconsiderare la decisione dell’approvazione del sub emendamento e di aprire un tavolo di confronto per evitare di mettere in crisi un comparto che rappresenta una parte rilevante della realtà sanitaria ed economica della regione”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007