Superbonus, l'ombra del riciclaggio internazionale dietro i cantieri del 110

Superbonus, l’ombra del riciclaggio internazionale dietro i cantieri del 110

Alessandra Serio

Superbonus, l’ombra del riciclaggio internazionale dietro i cantieri del 110

sabato 10 Febbraio 2024 - 12:00

I primi risultati degli accertamenti sui lavori col superbonus dopo i troppi cantieri flop a Messina e provincia

MESSINA – Il superbonus 110% per le ristrutturazioni da manna dal cielo per tanti condomini si è trasformato nell’incubo più ricorrente della maggior parte dei condòmini che hanno avuto la sventura di accendere la pratica ma non aver completato i lavori in tempi rapidissimi.

Perché accanto agli stop e alle troppe variazioni legislative, ci si sono messe anche le truffe. Le imprese ci si sono tuffate tutte “a prescindere”, forzando spesso i requisiti o assumendo troppe commesse nella speranza di accedere anche loro alla prospettata liquidità. Quando le banche hanno chiuso i rubinetti e si è capito che “la coperta era corta” per tutti, diversi lavori sono rimasti in sospeso, in attesa dei pagamenti.

Le normative, ritoccate più volte, hanno evidenziato poi altre difficoltà, in corso d’opera, e non tutte le imprese si sono rivelate qualificate, dal punto di vista dei requisiti bancari, per ottenere i lavori, sia direttamente che in subappalto. E’ a questo punto che sono scattate le verifiche su moltissimi cantieri e imprese. Una operazione d’accertamento ancora in corso, a Messina e provincia, condotta su più fronti: da un lato le denunce su specifiche vicende arrivate alla Guardia di Finanza, relative per esempio alla dubbia regolarità di alcune Cilas (la comunicazione di avvio dei lavori necessaria ad aprire la pratica) o ai subappalti sospetti. Dall’altro le segnalazioni dell’Agenzia delle Entrate, che ha notato il superamento di diversi “parametri spia”, nelle cartelle di liquidazione.

Ma c’è di più. Perché scavando i finanzieri si sarebbero imbattuti nel coinvolgimento di alcuni fondi esteri, garanti di imprese che non hanno avuto accesso alle garanzie bancarie ordinarie. Il sospetto è che dietro questi fondi possano esserci operazioni di riciclaggio. L’inchiesta è però ancora in corso e coperta dal più stretto riserbo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007