Allerta meteo, il capo della Protezione Civile: "chiudere le scuole non serve" - Tempostretto

Allerta meteo, il capo della Protezione Civile: “chiudere le scuole non serve”

Santi Cautela

Allerta meteo, il capo della Protezione Civile: “chiudere le scuole non serve”

lunedì 15 Ottobre 2018 - 15:51
Allerta meteo, il capo della Protezione Civile: “chiudere le scuole non serve”

Lo chiarisce l'ingegnere Capo della Protezione Civile siciliana, l'automatismo di chiudere le scuole ad ogni allerta meteo rossa o arancione, non serve. Valutare caso per caso sulla base delle diversità territoriali

In un lungo comunicato l'ingegner Calogero Foti, capo della Protezione Civile siciliana, avverte sulla cattiva abitudine di chiudere le scuole durante le allerte meteo che pur sono emanate dal dipartimento a Palermo.

La nota è stata inviata a sindaci, commissari dei Liberi consorzi, prefetture e Ufficio scolastico regionale e mira chiaramente ad evitare la psicosi e la paura che spesso appare ingiustificata.

“A seguito di emanazione di avvisi con allerta rossa per rischio meteo idrogeologico e idraulico – scrive Foti – si è osservato che la principale delle misure attuate è, pressocchè in automatico, l’emissione di un’ordinanza di chiusura delle attività didattiche”. Foti chiarisce quindi che gli avvisi di protezione civile “non contengono notizie dirette in ordine a livelli di piovosità” e che “hanno pur sempre valore di previsione e non di certezza di accadimenti”.

Per cui secondo il capo della Protezione civile siciliana “la chiusura delle scuole deve essere determinata esclusivamente sulla base dell’esame del rischio esistente sul territorio e dovrà essere valutato se i plessi o la viabilità sono ubicati su aree a rischi idrogeologico o idraulico”.

Senza rischio concreto legato alle variabili del territorio, non serve chiudere le scuole di "default" ad ogni allerta meteo. “In tale situazione, allora – conclude Foti -, potrebbe ipotizzarsi la chiusura delle attività didattiche che altrimenti appare assolutamente priva di necessità”.

Ad oggi il Coc di Palermo invia la nota sul bollettino meteo a tutti i comuni siciliani, i sindaci hanno così modo di predisporre il piano di intervento o di prevenire eventuali calamità causate soprattutto dal dissesto idrogeologico di molte aree costiere e interne della Sicilia. Ormai però, forse per scansare responsabilità e problemi, la chiusura delle scuole viene assunta come decisione automatica.

Tag:

2 commenti

  1. Sarei curioso di vedere cosa farebbe Foti nei panni di un sindaco in presenza di una allerta arancione. Quali piani di intervento metterebbe in atto per evitare di vedere trasformati in fiumi le strade del suo comune, come avviene ormai regolarmente nei mesi di Ottobre e Novembre. Troppo facile… Anche a me dà fastidio ritrovarmi con i figli in casa in mezzo la settimana, ma sarebbe enormemente più grave doverli andare a riprendere con l’acqua a metà sportello dell’auto, in mezzo all’isteria generale.

    0
    0
  2. Foti è a conoscenza di qualche comune siciliano che, in presenza di eventi come quelli di questi giorni, NON È a rischio idrogeologico e idraulico? Non scherziamo, dai…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007