La proposta di Cateno De Luca per le fonti idriche - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La proposta di Cateno De Luca per le fonti idriche

La proposta di Cateno De Luca per le fonti idriche

martedì 05 Giugno 2018 - 08:04
La proposta di Cateno De Luca per le fonti idriche

Secondo il candidato sindaco è importante individuare fonti alternative a Fiumefreddo

“Messina è rimasta senz’acqua per settimane ma a pagare sono stati solo i messinesi, tutti i responsabili della gestione del servizio – o disservizio – sono rimasti al loro posto. La rete è un colabrodo, ed il 50% delle risorse idriche si perdono nei terreni sottostanti. Si utilizza ancora un acquedotto che parte da Fiumefreddo ed interessa un tragitto di oltre 70 km, su un terreno ad alta pericolosità geomorfologica e che ogni anno necessita di interventi di manutenzione milionari. Il sistema di approvvigionamento idrico della città di Messina è costoso, inutile e sempre a rischio”. A dirlo l’on. Cateno De Luca candidato a sindaco di Messina che aggiunge: “Se a questo si aggiunge che, il costo per il prelievo ed in convogliamento delle risorse risulta particolarmente oneroso in termini di costi energetici per oltre 3 milioni di euro annui per portare l’acqua in città, si percepisce come una soluzione alternativa sarebbe immediatamente auspicabile. La soluzione è da ricercare nelle fonti idriche presenti a monte della stessa città, ciò permetterebbe l’abbandono della condotta del “Fiumefreddo”, o ad un suo diverso scopo. A tal fine si deve evidenziare come nel corso di diversi incontri tecnici tra il Commissario per l’emergenza idrica ed i responsabili dell’AMAM SpA, sono stati richiesti, a questi ultimi, la predisposizione di studi o, comunque, analisi su fonti alternativi più vicini alla città di Messina.Tali studi, hanno evidenziato la presenza di risorse idriche di almeno 1500 litri/secondo per i bacini a sud della città di Messina e di circa 800 l/s per alcuni bacini ad ovest della stessa e si trovano, comunque, agli atti della società partecipata AMAM SpA. Da un esame dell’immissione di acqua nel sistema di approvvigionamento municipale, emerge che oltre mille e cento litri secondo, vengono distribuiti per un totale giornaliero di circa 100 milioni di l/giorno (100 mila mc di acqua/giorno) a fronte di un fabbisogno giornaliero di 50 milioni di l/giorno (50 mila mc di acqua/giorno) con una perdita di circa il 50%. Se stimiamo un costo di manutenzione al metro lineare, come quello indicato di seguito, pari a circa 150 euro/ ml, per 288 km di condotta principale urbana da sostituire (nella peggiore delle ipotesi che si debba sostituire tutta), con un impegno di circa 44 milioni di euro si potrebbe evitare una perdita di risorse che potrebbero ad abbattere i costi di approvvigionamento del 50% all’anno e un ammortamento in appena 5 anni”.
De Luca ha fatto approvare all'Ars un emendamento che stanzia 20 milioni per individuare fonti di approvvigionamento idrico alternativo

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x