Il Teatro riparte da Messina: contemporaneità per uscire dalla crisi. Parla Scoglio VIDEO - Tempostretto

Il Teatro riparte da Messina: contemporaneità per uscire dalla crisi. Parla Scoglio VIDEO

Emanuela Giorgianni

Il Teatro riparte da Messina: contemporaneità per uscire dalla crisi. Parla Scoglio VIDEO

venerdì 08 Ottobre 2021 - 13:48

Il punto sulla ripartenza del Teatro Vittorio Emanuele di Messina col sovrintendente Scoglio alla presentazione dello spettacolo di Giampiero Cicciò

Il giorno dopo il sì del Consiglio dei Ministri all’aumento delle capienze nei luoghi della Cultura, il Teatro presenta la propria produzione. “Molto Rumore per Nulla” targato Giampiero Cicciò, ambientato a Messina e con attori messinesi di rilievo nazionale, è la seconda scommessa dell’Ente, che vuole rilanciare la stagione e riportare il pubblico al teatro malgrado il budget ridotto rispetto al passato. Il punto con il sovrintendente Gianfranco Scoglio.

È tempo di ripartenza. E il Teatro Vittorio Emanuele è pronto, dopo non essersi mai fermato neanche durante il lockdown, grazie al supporto del digitale, alla capacità di ripensarsi, al confronto con il territorio e l’organizzazione di una grande nuova programmazione. Per questo oggi, dopo il successo di “Bellini Black Comedy”, introduce una nuova stagione che fa del nostro territorio la risorsa primaria e della contemporaneità la parola chiave.

IL NOSTRO TERRITORIO

La nuova stagione dell’Ente vuole raccontare Messina tramite i suoi artisti migliori, ma non per “un semplice attaccamento alla ‘messinesità’ – precisa il Sovrintendente Gianfranco Scoglio – per poter, invece, mettere in luce la completezza e la professionalità dei nostri artisti”. Accanto alle sue produzioni, grazie all’attività dei direttori artistici Simona Celi Zanetti e Matteo Pappalardo, il Teatro, porterà avanti un confronto continuo con il territorio per “tornare ad essere baricentro di un percorso di rilancio di Messina e della sua cultura” come dichiara il Presidente Orazio Miloro.

MADRE TEATRO

Centro di questo percorso la scuola. Da tempo l’interesse del Teatro è quello di avvicinare i giovani, prima con Play The Game, per formare la Compagnia Celeste, poi con Working in the Orchestra, o con i diversi corsi di formazione del Progetto Pandora. Insieme a queste attività, si è anche intessuto un dialogo diretto con le scuole che ha dato vita al progetto “Madre teatro”. Spiega Scoglio: “Abbiamo creato questa rete, sulla base della quale realizzare un progetto didattico culturale. Viene scelto un testo autoriale da far esaminare agli studenti nelle scuole; una volta letto, analizzato e compreso fra i banchi, il testo originale verrà confrontato al Vittorio Emanuele con la riproduzione del regista teatrale. Da qui nasce “Molto rumore per nulla”.

MOLTO RUMORE PER NULLA

La produzione dell’EAR Teatro di Messina porterà in scena, dal 22 al 24 ottobre, l’opera shakespeariana ambienta a Messina, grazie alla regia di Giampiero Cicciò, ed a un cast per lo più tutto messinese. Due appuntamenti saranno dedicati proprio alle scuole con un incontro tra regista e studenti che precederà la messa in scena. Lo spettacolo nasce dal territorio come esperienza culturale che vuole far incontrare tradizione e modernità, grazie anche ad innovazioni tecnologiche, il 3d, l’ausilio del digitale per scene e luci. La scelta della governance, filo conduttore della nuova stagione, è, infatti, la contemporaneità.

LO SPETTACOLO

“Molto rumore per nulla” porta la sua contemporaneità non solo per mezzo di tali strumenti innovativi, ma perché offre una rilettura di sentimenti, emozioni e passioni dall’eterna attualità. “Gli incontri dei personaggi shakespeariani, i loro amori, gli odi e i legami sono gli stessi vissuti da ogni giovane del nostro tempo. Si sono offerti, dunque, con grande naturalezza e autenticità alla nostra riflessione contemporanea” racconta il regista Giampiero Cicciò.

Da Messina e da un messinese vuole, dunque, ripartire il Teatro per offrire ancora tanto alla sua città. “Shakespeare, territorio, ripartenza si aggiungono alle parole come gioia, festa, amore, incanto del teatro, nuova compagnia che nasce, la Compagnia Celeste, nuove energie, nuove idee, ingredienti di base di questo progetto che parla di forza delle idee e di rinascita del nostro Teatro di Messina”.

Servizio di Silvia De Domenico, intervista di Alessandra Serio, articolo di Emanuela Giorgianni.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. Andiamo TUTTI, nel rispetto delle norme anti covid ,al Teatro che è una tra le espressioni dell’arte più bella perché racchiude l’ espressività dell’ essere umano in ogni personaggio che rappresenta e l’ attualità in forma umoristica o drammatica di ogni tematica o opera che viene trattata…..a Messina questo teatro era il fiore all’occhiello per come era strutturato,per i suoi arredi…..mi dispiace che sia stato stravolto nella modernizzazione andando a perdere le peculiarità di questo bellissimo Teatro…..pazienza …. è inutile piangere sul latte versato anche se non ho potuto fare a meno di esprimere il mio rammarico per la storia all’interno di questo teatro che è andata perduta…..penso che la storia di ogni cosa sia SACRA e che non vada cambiata perché il tempo che passa e tramanda è un valore aggiunto perché ci ricorda come eravamo PRIMA, chi siamo ADESSO e chi continueremo ad ESSERE. W IL TEATRO 😁

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007