48 sindaci in Prefettura per pianificare azioni contro il rischio maremoto - Tempostretto

48 sindaci in Prefettura per pianificare azioni contro il rischio maremoto

Redazione

48 sindaci in Prefettura per pianificare azioni contro il rischio maremoto

giovedì 27 Giugno 2019 - 09:38
48 sindaci in Prefettura per pianificare azioni contro il rischio maremoto

La prefetta Maria Carmela Librizzi ha evidenziato l’importanza di dotarsi del Piano comunale di Protezione Civile e di procedere al relativo aggiornamento al fine di salvaguardare la pubblica incolumità

MESSINA – Aggiornare le pianificazioni per la gestione del rischio derivante da possibili maremoti. Questo l’obiettivo della riunione di ieri, in Prefettura, alla quale hanno partecipato 48 sindaci del Messinese costiero, gli enti che gestiscono servizi pubblici essenziali (Rfi, Anas, Cas, Enel, Terna) e le principali industrie situate vicino al mare (Raffineria, Ultragas, A2A Energiefuture).

L’iniziativa ha preso spunto dall’emanazione del decreto numero 3976 del 2 ottobre 2018 con il quale il capo del Dipartimento della Protezione Civile ha fornito le “Indicazioni per l ’aggiornamento delle pianificazioni di protezione civile per il rischio maremoto”, adottate ai sensi della direttiva del presidente del Consiglio dei Ministri del 17 febbraio 2017.

La prefetta Maria Carmela Librizzi ha evidenziato l’importanza di dotarsi del Piano comunale di Protezione Civile e di procedere al relativo aggiornamento al fine di salvaguardare la pubblica incolumità. A tale riguardo è stato evidenziato, nel contempo, come la carenza di tale fondamentale strumento esponga i singoli Amministratori locali a precise responsabilità, anche di natura penale, nel caso in cui si dovessero verificare eventi emergenziali con conseguenze a persone o cose.

Ha poi sottolineato come, nelle more della diffusa e congruente predisposizione dei piani di protezione civile comunali, assuma particolare rilievo la capillare informazione alla cittadinanza circa i comportamenti da seguire in caso di allertamento.

I rappresentanti della Città Metropolitana e del Dipartimento Regionale di Protezione Civile hanno illustrato il contenuto delle disposizioni legislative vigenti in materia e, nel contempo, hanno offerto chiarimenti in merito alle procedure operative da seguire per integrare le pianificazioni comunali e di emergenza con la previsione di tale specifico rischio.

A tale riguardo, ad esito di specifiche riunioni di coordinamento svoltesi presso la Prefettura, sono state, preventivamente, acquisite dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) le mappe di penetrazione di un’eventuale onda di tsunami all’interno della costa messinese.

Sono state fornite a tutti gli Enti e Uffici partecipanti, su supporto informatico, le cartografie tecniche contenenti l’individuazione speditiva delle aree costiere potenzialmente esposte ad eventi di maremoto e delle relative zone di allertamento nonché gli specifici riferimenti normativi.

La complessiva attività di coordinamento avviata, in questa fase, dalla Prefettura è propedeutica al parallelo contestuale aggiornamento del Piano Provinciale di Protezione Civile di concerto con la Città Metropolitana.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007