"4Around", mostra d'arte contemporanea al Palazzo Duchi di S. Stefano di Taormina - Tempostretto

“4Around”, mostra d’arte contemporanea al Palazzo Duchi di S. Stefano di Taormina

Redazione

“4Around”, mostra d’arte contemporanea al Palazzo Duchi di S. Stefano di Taormina

mercoledì 23 Novembre 2022 - 08:57

Sabato l'inaugurazione

Taormina – Sarà inaugurata sabato prossimo alle 18 “4Around”, la mostra organizzata a Palazzo Duchi di S. Stefano dalla Pro Loco di Taormina, con il patrocinio dell’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana e in collaborazione col Comune di Taormina, assessorato alla Cultura e Beni culturali. “Si tratta di una iniziativa – ha commentato il presidente della Pro loco, Sergio Spadoni – che punta alla promozione del nostro territorio con appuntamenti di qualitá”. 4Around vede quattro artisti contemporanei a confronto: Ezio Cicciarella, Paolo Greco, Rosa Mundi, Enzo Rovella, ospiti a Taormina nel giardino e nelle sale del Palazzo dei Duchi di Santo Stefano, sede della Fondazione Mazzullo.

I quattro artisti, legati alla Sicilia per nascita o per scelta, si pongono in dialogo e in relazione con lo scultore siciliano Giuseppe Mazzullo, punto di partenza di una riflessione sull’uomo contemporaneo, sul suo legame con materia e natura, sul suo potere immaginifico e trasformativo. La mostra punta a stimolare un confronto interdisciplinare “intorno a” quattro concetti chiave: materia, identità, relazioni umane e ambiente. In un periodo sempre più segnato dalle tecnologie informatiche, gli artisti in mostra riaffermano la necessità di una dimensione tangibile dell’arte, accomunati da un febbrile rapporto con la gestualità e la materia. Una materia intesa sia come elemento espressivo sia come essenza primordiale della natura, che diventa il trait d’union delle opere esposte.

Gli artisti

In mostra gli assemblages di Rosa Mundi, poliedrica artista il cui gioco di trasparenze simboliche intriso di storia, alchimia, teosofia e messaggi subliminali propone una complessa indagine sulla caducità della condizione umana e del pianeta; le sculture lapidee di Ezio Cicciarella, che con le sue fasce su pietra iblea ci introduce al tema del rapporto con la terra natia e dei legami tra esseri umani; le opere materiche di Paolo Greco, che riassembla e trasforma camere d’aria, copertoni e pneumatici frantumati a cui confersisce una nuova vita e un nuovo significato, accendendo una riflessione etica sui concetti di inquinamento, sostenibilità ambientale ed esigenza del riciclo; le tele di Enzo Rovella, la cui ricerca si serve della materia pittorica fondendo astrazione e figurazione, per proporre una riflessione introspettiva e filosofica sull’uomo e sul suo destino.

Linguaggi differenti, accomunati dal “fare anima”

Ne emergono linguaggi differenti, ma accomunati dal “fare anima”, da personali visioni del mondo manifeste a noi come realtà poetica, che attingono ad un immaginario nutrito di valori identitari. Un cerchio attorno al quale sensibilità diverse si confrontano, una tavola rotonda incentrata sul “discorso visivo”, in cui concetti si tramutano in opere, immagini metaforiche che ci parlano dell’essenza dell’uomo, dell’equilibrio con l’ambiente: memorie del passato cristallizzate in oggetti tangibili, unico mezzo per contrastare la fugacità del tempo e prendere coscienza sulle questioni più urgenti del presente. La mostra, a cura di Sudestasi Contemporanea, è promossa dalla Pro Loco di Taormina con il contributo della Regione Sicilia e il patrocinio del Comune di Taormina.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007