A Milazzo tra paesaggi naturalistici e leggenda: la piscina di Venere

A Milazzo tra paesaggi naturalistici e leggenda: la piscina di Venere

Salvatore Di Trapani

A Milazzo tra paesaggi naturalistici e leggenda: la piscina di Venere

Tag:

domenica 12 Marzo 2023 - 09:17

Uno dei luoghi più incredibili del comprensorio, la piscina di Venere a Capo Milazzo offre scorci naturalistici e una storia che si origina dal mito

MILAZZO – Partiamo alla scoperta di uno dei luoghi più interessanti del comprensorio tirrenico. Siamo nella città del Capo dove, presso l’Area Marina Protetta, si trovano l’incredibile Piscina di Venere: uno specchio d’acqua circondato da rocce che nelle giornate più limpide offre una visuale sulle isole Eolie.

Come raggiungere la Piscina di Venere

Per raggiungere la Piscina di Venere è necessario recarsi a Capo Milazzo e raggiungere “La scalinata per il paradiso”. Si tratta di una ripida scalinata, incastonata tra rocce e piante e il cui nome “stairway to heaven” pare sia un omaggio al famoso brano dei Led Zeppelin, dalla cui sommità è possibile osservare la Piscina di Venere. Circa 200 scalini da percorrere per essere ricompensati con la magnifica vista offerta dallo specchio d’acqua tanto caro alla dea dell’amore.

Ma perché la piscina di Venere prende questo nome?

Un nome che affonda le proprie origini nel mito e nella leggenda, quello della Piscina di Venere. La tradizione, infatti, vuole che la dea dell’amore Venere fosse solita bagnarsi presso lo specchio d’acqua di Capo Milazzo, al fine di purificarsi e recuperare la verginità perduta. La posizione stessa dello specchio d’acqua, tuttavia, non è casuale: da questo punto è possibile osservare l’isola di Vulcano, anch’essa dedicata ad una divinità e non ad una divinità a caso. Il dio Vulcano, dall’età classica assimilato alla mitologia del dio Efesto, è infatti sposo di Venere e secondo le leggende pare fosse solito osservare la moglie da lontano tanto per amore quanto per gelosia.

Nella zona di Milazzo sono presenti, tuttavia, altre versioni del mito che ha dato origine al nome delle Piscine di Venere. Secondo qualcuno a recarsi presso lo specchio acqueo non sarebbe stata la dea dell’amore bensì una ninfa la cui bellezza fosse paragonabile a quella della stessa Venere.

Insomma, un luogo che offre più di una semplice vista mozzafiato, sicuramente interessante anche per la sua storia e che merita almeno una visita soprattutto col ritorno delle belle giornate. Una curiosità per concludere: la Piscina di Venere di Milazzo ha una “gemella” situata presso la zona di Baunei, in Sardegna. Anche qui pare, secondo le leggende locali, che Venere fosse solita fare il bagno.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007