Abusivismo, la Procura Generale accelera sulle demolizioni - Tempostretto

Abusivismo, la Procura Generale accelera sulle demolizioni

Alessandra Serio

Abusivismo, la Procura Generale accelera sulle demolizioni

mercoledì 30 Gennaio 2019 - 07:08
Abusivismo, la Procura Generale accelera sulle demolizioni

Attive le linee guida per accelerare i tempi delle deomolizioni, a cominciare dall'abusivismo nelle aree protette.

Dalla dichiarazione di abusivismo alla demolizione dei fabbricati che non avrebbero dovuto esistere, o che sono sorti in posti dove  non è possibile costruire, il passo non è sempre breve come dovrebbe, e spesso costruzioni fatiscenti o illegali restano in piedi per decenni. Da diverso tempo se ne occupa la Procura di Messina, che già nel 2010 ha firmato un protocollo con tutti gli enti interessati per mappare il fenomeno in provincia di Messina e individuare le priorità. Oggi il protocollo compie un significativo passo avanti, che fa ben sperare nell’applicazione. Il procuratore generale Vincenzo Barbaro ha infatti siglato un decreto che individua le priorità nelle demolizioni e ne definisce l’iter. Una sorta di decalogo operativo, che aiuta a superare molti dei problemi di procedura, dovuta soprattutto al sovrapporsi delle competenze  tra enti locali e giustizia penale.

Lì dove saranno individuati gli abusivismi, detta il decreto, la Procura darà priorità per le demolizioni ai fabbricati che sorgono in zone demaniali protette, sottoposte a vincolo paesaggistico, in zona sismica  o che sono per qualunque motivo pericolose. Si procederà poi “a scalare”: subito dopo vengono gli edifici in zona demaniale “non rossi”, poi gli edifici privati commerciali, infine gli edifici privati abitativi in zona privata. Insomma, prima la tutela pubblica ovviamente.

Poiché alle demolizioni può provvedere sia il Comune che la Procura, la giustizia deve prima assicurarsi, chiedendo all’ente locale, che non siano state sanate le costruzioni o che per lo stesso immobile non stia provvedendo l’ente locale. Se il Comune non sta agendo, la Procura chiederà all’ente locale l’anticipo delle spese per il procedimento. Soltanto l’ente locale, infatti, può fare ricorso al fondo istituito presso la Cassa depositi e prestiti espressamente destinato alle demolizioni. E se il Comune non anticipa? La Procura nomina il consulente tecnico e fa ricorso al Ministero della Difesa per abbattere le costruzioni abusive, poi copre le spese col fondo per le spese di giustizia, rifacendosi sul responsabile dell’abusivismo.

Tag:

COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007