Alla sangria, al pomodoro e ai funghi. A Oliveri la prima scuola di granita FOTO - Tempostretto

Alla sangria, al pomodoro e ai funghi. A Oliveri la prima scuola di granita FOTO

Redazione

Alla sangria, al pomodoro e ai funghi. A Oliveri la prima scuola di granita FOTO

mercoledì 29 Giugno 2022 - 09:29

Tre maestri gelatieri hanno lanciato la prima Scuola di Granite siciliane: “Le nostre golosità dolciarie dovrebbero diventare Patrimonio dell’Umanità”

OLIVERI – Dalla Granita alla Sangria a quella Pomodoro e basilico, dalla Granita ai Funghi a quella con Vino (rigorosamente d’eccellenza con la “Tenuta Gaglio Vignaioli dal 1910”, guidata anche da Flora Mondello) e Pesca.

Non si parla più esclusivamente di granita tradizionale che riempia l’intera mattinata con una colazione ipercalorica estiva ma il concetto di granita con i tre Maestri Gelatieri della provincia di Messina Alessandro e Vincenzo Squatrito e Pietro Di Noto si estende al settore Gourmet, per servire un dessert squisito che possa accompagnare tutto il pasto, intervallare le varie portate quindi il salato e contenere ingredienti di gastronomia (dai vegetali più raffinati alle materie prime da contorno più ricercato).

Prima Scuola di Granite Siciliane

Con questo principio si coglie l’attimo per inaugurare o meglio presentare la Prima Scuola di Granite Siciliane, non solo a livello regionale ma anche nazionale. L’evento unico per la sua missione è stato realizzato domenica 26 giugno dalle 18 fino alla seconda serata, nel piccolo comune di Oliveri (posto incantevole anche per la presenza dei Laghetti di Marinello ed una bellissima spiaggia che guarda al Santuario di Tindari) nella “Gelateria – Ritrovo Orchidea” dei gemelli Squatrito, con l’aiuto del collega Di Noto.

La scuola, con iscrizione tramite i recapiti email “squatritoalessandro@yahoo.it” e telefonici 339 373 9677- 339 849 3763, sarà aperta all’utenza interessata il 10 e l’11 ottobre in Via Piersanti Mattarella 2 (sede principale), un secondo appuntamento il 24 e 25 ottobre a Roma nella “Whiteacademy” e successivamente in Toscana. I fratelli stanno palesando una notevole lungimiranza nel sapere allestire logisticamente una realtà che mancava e di cui si sentiva il bisogno professionale da far migrare pure all’Estero, per quanto la filosofia della “scuola casalinga di granite” è sempre un po’ esistita nell’area siciliana.

Il lancio con 24 gusti

È stato un festeggiamento ad ampio raggio che ha coinvolto non solo i residenti ma anche turisti che sono giunti numerosi al famoso locale ed attorno al carrettino per la distribuzione granite, le autorità locali (tra cui il sindaco e vicesindaco di Oliveri Francesco Iarrera e Salvatore Bertino e il sindaco di Falcone Antonino Genovese) e regionali, le associazioni di categoria con i rappresentanti nazionali, regionali e provinciali, i talenti del ramo pasticceria e gelateria provenienti da varie zone dell’Isola ed anche dalla Calabria.

A gestire l’intrattenimento musicale è stata la band folk “ISpizzicusi”. Tutti i partecipanti sono rimasti contenti dei 24 gusti in assaggio e preparati per l’occasione dall’enorme richiamo per il palato ma anche per gli intensi profumi. Apprezzatissima la granita al melograno dei fratelli Squatrito, oltre ad una rarità che poteva sembrare azzardata e invece è stata molto equilibrata: la granita al salmone. Senza dimenticare la varietà molto aromatica con frutta tropicale quali al Mango e Frutto della passione. Note elettrizzanti anche nella “creazione Gourmet” del Maestro Di Noto che ha sbandierato i suoi gusti da vero chef: allo Champagne, al Caviale, ai Fichi d’India, al Tartufo e all’Acqua di Mare con il limone tipico di Pettineo.

I fratelli Squatrito e le eccellenze da valorizzare

Questi “signori artigiani” sono legatissimi alla Sicilia e vogliono mettere le loro competenze nell’arte pasticcera al servizio di professionisti che intendono specializzarsi nell’Universo Granite: i fratelli Squatrito, dai natali di Falcone, hanno voluto focalizzarsi sul territorio di Oliveri, dove gestiscono la propria attività di Gelateria da quasi un trentennio con innovazione e dove, in Via Piersanti Mattarella 2, è stata istituita la “Prima Scuola di Granite Siciliane”.

Il loro collega Di Noto, originario di Tusa, ha sposato l’idea e hanno costituito un trio fantasioso con il desiderio di sperimentare ma con una spiccata abilità a reinventarsi come in questa iniziativa di respiro internazionale. Ad incoraggiare loro nel portare avanti un sogno sono stati anche gli amici Enzo Catania – pasticciere di Fondachelli Fantina, altro professionista di Mirto Filippo Nici, il ricercatore e storico di strumenti per la cucina Luigi Romana, nonché maestro di scuola elementare che ha mostrato come si utilizza il metodo tradizionale per elaborare la granita al limone, grazie ad una tinozza e carapina più piccola dove si ripone acqua, zucchero e succo di limone e ad una tinozza più grande d’acciaio con ghiaccio e sale per ricreare il congelatore. E ancora, tra gli altri, il pasticciere e bravo produttore di torroni di Bagnara Calabra Carmelo Cardone che ha preparato una torta alla crema bianca e frutta (melone e pesca), guarnita con foglie di limone e dedicata alla scuola.

“Le eccellenze che possiamo vantare qui devono essere valorizzate – interviene il sindaco Iarrera – e non mancheremo di organizzare degli eventi e coordinare le situazioni opportune per avere una intera squadra di maestri nel settore enogastronomico sempre più in crescita, soprattutto nel Sud Italia e nella nostra Isola”. “Esprimiamo tutto il nostro orgoglio per avere delle risorse artigiane così in gamba nella nostra terra – commenta il vicesindaco Bertino.

“Vorremo essere sempre più presenti nella Penisola con le nostre capacità di far confluire i talenti – conclude Alessandro Squatrito – scongiurando la comparsa di sentimenti d’invidia o di competizione e attivando una rete. Siamo ben disposti ad allargare la platea di professionisti che amano la granita, che vogliono impegnarsi in questi nostri corsi che dureranno ogni volta due giornate per circa 12 allievi per volta e che sanno che questo nostro dolce, adatto a tutte le ore, potrebbe diventare Patrimonio dell’Umanità con tutte le sue caratteristiche di irrepetibilità”. Ma oltre a questa proposta o provocazione super ghiotta e strategica per chi volesse investire sulla granita e sulle professionalità siciliane, secondo i gemelli Squatrito, come riferisce Alessandro, ci vuole una “Giornata annuale per i Maestri dolciari” che, intanto, si potrebbe fissare per la fine dell’estate.

Tag:

Un commento

  1. La granita al salmone… Ma mi faccia il piacere! (Diceva Totò)

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007