Ripulito il Gran Camposanto. Ma tutt'intorno è ancora degrado - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ripulito il Gran Camposanto. Ma tutt’intorno è ancora degrado

Ripulito il Gran Camposanto. Ma tutt’intorno è ancora degrado

sabato 06 Giugno 2015 - 08:06
Ripulito il Gran Camposanto. Ma tutt’intorno è ancora degrado

Spartitraffico pieno di erbacce, niente strisce pedonali, chiome degli alberi fino al marciapiede, rifiuti e parcheggiatori abusivi. Un quadro sconfortante

“Le condizioni igienico-ambientali del Gran Camposanto sono migliori rispetto al passato ma tutto il contorno è lasciato a marcire”. Il consigliere comunale Libero Gioveni interviene duramente sulle condizioni di assoluto degrado, abbandono e potenziale pericolo presenti nel tratto di via Catania prospiciente al cimitero monumentale e chiede immediati interventi all'Amministrazione.

“E’ come se ci si è spruzzati il profumo senza però essersi fatti la doccia – afferma -. Se, infatti, in qualche modo all'interno del Gran Camposanto le condizioni igieniche e del verde sono decisamente migliorate, ciò che si vede fuori è un vero bollettino da guerra. Lo spartitraffico è strapieno di erbacce, che oltre a rendere indecorosa la zona non riescono in alcuni tratti nemmeno a far sostare i pedoni. E a proposito di pedoni – prosegue il consigliere – non si capisce da dove dovrebbero attraversare visto che di strisce pedonali non ve ne è neppure l'ombra. Sempre i pedoni hanno persino difficoltà a percorrere il marciapiede di fronte (quello che costeggia villa Dante) in quanto in molti punti le mattonelle sono sollevate o addirittura staccate, a causa della presenza pressante delle radici degli alberi”.

“E in tema di alberi – denuncia ancora l'esponente Udc – non andiamo di certo meglio, con le chiome e le fronde che hanno raggiunto dimensioni gigantesche, tanto da determinare in qualche punto anche una caduta a cascata dei rami e delle foglie che arrivano quasi a toccare il marciapiede (tra l'altro pieno zeppo di quelle ormai secche staccatesi e che nessuno raccoglie) impedendo il passaggio dei pedoni. Insomma, una condizione di degrado e pericolo che prosegue tra l'altro anche nella perpendicolare via San Cosimo che costeggia lateralmente il cimitero; anche lì, ai margini, erbacce e rifiuti la fanno da padrone”.

“Infine – conclude Gioveni – giusto per completare il desolante quadro si registra la continua presenza di parcheggiatori abusivi che hanno soppiantato persino gli ausiliari del traffico e che indispongono i visitatori. Sarebbe, pertanto, opportuno correre ai ripari a 360 gradi, soprattutto perché ad affollare il Gran Camposanto da qui in avanti non saranno soltanto i cittadini messinesi, ma anche chi risiede fuori e approfitta del ritorno a casa in estate per fare visita ai propri cari scomparsi”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. E’ inammissibile che in una città cosiddetta civile, non ci si prenda cura del verde pubblico. Non è possibile sostenere che, almeno una volta all’anno, non si possa procedere a sfrondare i pochi alberi che ci sono in città. E mi piacerebbe sapere chi ha avuto la brillante idea di realizzare le fioriere parallelamente alle corsie del tram, già invase da erbacce e fiori secchi. Ma questi politici cittadini, da destra a sinistra, passando per il centro, quando si “riuniscono” per intascare i gettoni di presenza, di che cacchio parlano? Che decisioni assumono per il bene della città? Quali responsabilità si accollano nella veste specifica?

    0
    0
  2. E’ inammissibile che in una città cosiddetta civile, non ci si prenda cura del verde pubblico. Non è possibile sostenere che, almeno una volta all’anno, non si possa procedere a sfrondare i pochi alberi che ci sono in città. E mi piacerebbe sapere chi ha avuto la brillante idea di realizzare le fioriere parallelamente alle corsie del tram, già invase da erbacce e fiori secchi. Ma questi politici cittadini, da destra a sinistra, passando per il centro, quando si “riuniscono” per intascare i gettoni di presenza, di che cacchio parlano? Che decisioni assumono per il bene della città? Quali responsabilità si accollano nella veste specifica?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007