Amam Messina. In corso la pulizia di tombini e caditoie per l'acqua piovana. FOTO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Amam Messina. In corso la pulizia di tombini e caditoie per l’acqua piovana. FOTO

Redazione

Amam Messina. In corso la pulizia di tombini e caditoie per l’acqua piovana. FOTO

giovedì 22 Luglio 2021 - 08:13

Invocata da più parti, la pulizia di tombini e caditoie si sta realizzando dopo anni di inerzia. Lavoro necessario per evitare allagamenti in caso di pioggia

L’AMAM sta svolgendo in questi giorni gli annunciati lavori di pulizia di tombini e caditoie nei viali Regina Elena e Margherita. Come si può dedurre dalle immagini questo tipo di interventi non è stato effettuato per anni. I tombini e le caditoie si sono, pertanto, otturati impedendo il regolare deflusso dell’acqua durante le piogge.

Tombino otturato
Caditoia otturata

Già puliti 400 tombini

Da un po’ di tempo a questa parte su incarico del Comune, l’AMAM sta portando avanti un programma di pulizia esteso ai diversi comprensori cittadini. “Siamo già intervenuti su oltre 400 tombini – ha dichiarato al nostro giornale la presidente dell’AMAM, Loredana Bonasera – secondo un piano che tende a rendere fluido il deflusso delle acque piovane. Stiamo agendo da monte a valle, seguendo un ordine di priorità che tiene conto delle criticità valutate con i tecnici del Comune di Messina, l’ente che ha svolto il servizio sino ad oggi. Per questo, impieghiamo una squadra di personale dedicato e particolari attrezzature e macchinari in grado di bonificare radicalmente i pozzetti.”

Rifiuti estratti dalle caditoie
Macchinario per la pulizia di caditoie e tombini
Messina. Pulizia di tombini e caditoie
Tombino pulito

Prepararsi alle piogge

“Stiamo operando senza sosta – prosegue Loredana Bonasera – per arrivare in modo adeguato alla prossima stagione autunnale e invernale. Un primo banco di prova che ci ha confortato si è presentato in occasione delle forti piogge dei giorni scorsi, che non hanno fatto rilevare criticità nelle zone in cui siamo già intervenuti.”

Tag:

10 commenti

  1. COGITO ERGO SUM 22 Luglio 2021 08:47

    Lavori non eseguiti per anni. Spero che d’ora in poi, questi interventi, divengano normale routine, affinchè dopo ogni acquazzone (anche importante) le strade (alcune) della città, NON si trasformino in una sorta di piscine. Ma ricordo anche l’importanza di curare il verde pubblico, affidandosi a tecnici del settore, veramente esperti.

    p.s.: però … quante bottiglie !

    6
    0
  2. Si dovrebbe intervenire in tutta la città e non solo in singole zone…e non “a quannu su ricoddunu”ma dovrebbe essere una routine annuale così da evitare allagamenti nel periodo invernale che sono sempre più frequenti….

    3
    1
  3. Io abito nella via Torrente Trapani, per la precisione nel tratto di strada fra il semaforo di viale R.Elena ed il panificio Cacciola. I tombini sono quasi tutti intasati ed a causa della conformazione della strada, quando piove in abbondanza ed intensamente si trasforma in “LAGUNA”. Considerato che ho fatto analoga segnalazione più volte negli anni trascorsi mi domando se finalmente potremo passare un inverno senza fare i salti mortali per entrare nelle nostre macchine o passare a piedi senza bagnarci. Cordiali saluti

    2
    0
  4. Martino Sergio 22 Luglio 2021 12:21

    Non per essere bastian contrario! Potete chiedere se la pulizia prevede tuti i quartieri o solo alcuni?
    Ad esempio al Lombardo, tanto per dire, i tombini sono da anni che non vengono puliti e l’acqua a fiume si riversa sui binari del tram sul viale San Martino.
    Grazie

    2
    0
  5. Attenzione però……che la pulizia non sia per l’ennesima volta vana……se non si spazzano le strade tutto finisce di nuovo nei tombini ……quindi fatica , lavoro e soldi per l’ennesima volta sprecati…….a prescindere comunque questi sono lavori che devono essere eseguiti spesso no alle calende greche 😖😡 proprio per non farsi cogliere” impreparati “in caso di calamità!

    1
    0
  6. Chissà perché i lavori cominciano sempre da zona nord. Mah!

    0
    0
  7. Non dimenticate la zona nord. Ganzirri Torre Faro Granatari diventano piscine con quattro gocce d acqua

    0
    0
  8. Ne deduco che gli allagamenti ultimi sono colpa della mancata manutenzione.
    Adesso cosa dovremmo fare?
    Essere contenti perchè per i prossimi mesi la situazione sarà più tranquilla?
    Essere alterati perchè si sapeva e non si è fatto per ultimi eventi metereologici?
    Io voglio sperare che si tratti di una attività che diverrà ordinaria ed estesa a tutta la città.
    Diversamente sarà solo pubblicità.
    Staremo a vedere.

    3
    0
  9. Certo è che nei tombini vanno a finire rifiuti di ogni tipo che intasano , quello che si fa non conta niente. Cominciamo a non buttare rifiuti per strada. Forse un po più di educazione civica non guasta.

    1
    0
  10. eh allora accorinti era maglio o de luca fino a ora i tombini che saranno puliti fra pochi mesi con gli incivili arriveranno gli allagamenti che per dire che la situazione ora è buona ma speriamo che non si intasino come ora

    0
    0

Rispondi a Gaetano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x