Disabile bloccato in casa, lo Iacp: "Mai informati, costi al 50% tra noi e i condomini" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Disabile bloccato in casa, lo Iacp: “Mai informati, costi al 50% tra noi e i condomini”

Disabile bloccato in casa, lo Iacp: “Mai informati, costi al 50% tra noi e i condomini”

venerdì 23 Novembre 2012 - 12:17

L'ente interviene sulla questione denunciata da Gioveni e Cacciotto sull'impossibilità di un disabile di uscire di casa per un guasto all'ascensore negli alloggi di Bisconte: "Nella richiesta per le spese di riparazione ricevuta dal gestore condominiale, non si faceva riferimento a questa situazione"

Ha destato clamore la notizia data neanche una decina di giorni fa riguardo al guasto di un ascensore degli alloggi Iacp a Bisconte che bloccava un disabile al settimo piano. Dall’Istituto Case Popolari arriva una precisazione sulla questione denunciata dai consiglieri circoscrizionali Libero Gioveni e Alessandro Cacciotto. L’ente, infatti, afferma di aver ricevuto dal gestore condominiale la richiesta delle spese di competenza in merito al guasto, ma che nel documento non si faceva alcun riferimento al condomino impossibilitato a uscire dal proprio alloggio.

La notizia sarebbe giunta, secondo quanto riporta ancora lo Iacp, soltanto l’8 novembre e a renderla nota sarebbe stato un consigliere comunale. “E’ appena il caso di evidenziare – si legge nella nota Iacp – che le assegnazioni di alloggi popolari vengono effettuate dai comuni, secondo le graduatorie vigenti. Nelle nuove costruzioni una percentuale degli alloggi sono dichiarati accessibili e vengono destinati ai disabili. E’ consentito effettuare cambi di alloggi – si legge ancora – anche in località diverse da quelle dell’originaria assegnazione”.

Dalla sistemazione del guasto all’ascensore al cambio di alloggio il passo è breve: “Anche il comune può disporre un’assegnazione più idonea ai soggetti individuati dal consigliere comunale”. Per la riparazione, l’Ente conferma comunque il proprio impegno per il 50%, la metà di sua competenza. Il restante 50% tocca ai condomini.

Tag:

4 commenti

  1. Gioveni e cacciotto perche’ non lo pagate voi il restante 50%????

    0
    0
  2. Ancora una volta il sensazionalismo dei consiglieri/giornalisti di quartiere si scontra con il pragmatismo di chi amministra la cosa pubblica. Ci sono regole da rispettare a cui non si può derogare in funzione di una pressione politico/giornalistica. Fa bene lo Iacp a rispondere per le rime e farebbero bene tutti coloro che fanno politica a non cedere alle tentazioni della “prima pagina”

    0
    0
  3. Lo fanno i politici che pur di avere visibilità, sfruttano le disgrazie altrui. Figuriamoci i consiglieri circoscrizionali che dalla prossima legislatura non potranno candidarsi, causa l’eliminazione degli stessi consigli .
    Sembra comunque strano che lo IACP sia disponibile al pagamento del 50%, anche se i tempi non sono specificati.

    0
    0
  4. lo IACP Messina sarebbe quell’Ente che abbiamo visto oggi con 81 DIPENDENTI in gita x la città durante le loro doverose ore lavorative?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x