Baratto amministrativo, il M5S: "Basato su norma abrogata, va modificato" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Baratto amministrativo, il M5S: “Basato su norma abrogata, va modificato”

.

Baratto amministrativo, il M5S: “Basato su norma abrogata, va modificato”

. |
lunedì 09 Settembre 2019 - 17:49
Baratto amministrativo, il M5S: “Basato su norma abrogata, va modificato”

Messina- I consiglieri rispediscono al mittente la proposta trasmessa in Commissione

Il consiglio comunale tornerà ad esaminare la proposta di baratto amministrativo modificata dall’amministrazione De Luca e la decisione ha provocato la reazione del M5S. A intervenire, contestando alla giunta superficialità e approssimazione sono i consiglieri comunali Cristina Cannistrà e Giuseppe Fusco in seguito alla ripresentazione in sede di Commissione del regolamento sul baratto amministrativo, proposta già bocciata dall’Aula e adesso rientrata “dalla finestra”, con qualche modifica.

L’intero impianto della proposta deliberativa – spiega Cristina Cannistrà – si basa su un articolo di legge (il 24 della legge 164 del 2014) che è stato abrogato: una “circostanza” che rende la proposta della Giunta del tutto inattuabile. È una situazione paradossale: si tenta di venire incontro alla parte più debole della città facendo ricorso ad istituti normativi superati. Ci chiediamo come sia possibile che vengano portate in Aula delle proposte di delibera senza i necessari approfondimenti preliminari”

A spiegare che le differenze normative tra il baratto amministrativo cui fa riferimento l’amministrazione ed i contratti di partneriato sociale (previsti dal decreto 50 del 2016) impongono una radicale modifica della proposta è il consigliere Giuseppe Fusco: “ Nella nuova normativa è infatti scomparso l’ordine di priorità in favore della associazioni rispetto ai singoli cittadini e non vi è più traccia del limite posto all’esecuzione tributaria. Inoltre non si fa più riferimento esclusivo all’inerenza dei tributi con il tipo di attività posta in essere e soprattutto al fatto che l’attività debba perseguire finalità socialmente utili per la collettività”.

Nel dettaglio la nuova normativa di settore stabilisce infatti che chiunque possa accedere ai partenariati sociali, a prescindere dalle fasce di reddito, a differenza di quanto prospettato dall’Amministrazione, che aveva previsto degli specifici “paletti”.

In seguito ai rilievi posti stamani dai consiglieri, la II Commissione ha sospeso la trattazione della delibera, in attesa che sia presente in Aula il sindaco Cateno De Luca, soggetto proponente.

«Chiederemo inoltre la presenza del segretario generale, che è tenuta a garantire la legittimità degli atti amministrativi», concludono Cannistrà e Fusco.

R.Br.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007