Testa di cavallo mozzata davanti casa carabiniere. La mafia alza il tiro e la città sfila in corteo per dire basta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Testa di cavallo mozzata davanti casa carabiniere. La mafia alza il tiro e la città sfila in corteo per dire basta

S.A.

Testa di cavallo mozzata davanti casa carabiniere. La mafia alza il tiro e la città sfila in corteo per dire basta

S.A. |
martedì 05 Marzo 2013 - 13:40
Testa di cavallo mozzata davanti casa carabiniere. La mafia alza il tiro e la città sfila in corteo per dire basta

Dopo il macabro ritrovamento di venerdì scorso davanti la casa di un carabiniere a Barcellona, dove è stata lasciata la testa di un cavallo mozzata, la città si stringe attorno al militare dell'Arma e alla sua famiglia. Pomeriggio alle 18 con in testa il sindaco Collica la città sfilerà in corteo. Ad occuparsi delle indagini ora è la Dda

Una testa di cavallo mozzata lasciata davanti all’abitazione di un maresciallo dei Carabinieri di Barcellona. Un messaggio inequivocabile rivolto alle istituzioni che lui rappresenta. Un gesto eclatante che non ha precedenti a Barcellona ed è ben lontano da bottiglie incendiarie, o biglietti minacciosi. Da venerdì il livello di attenzione da parte delle forze dell’ordine e della magistratura si è alzato. Perquisizioni a tappeto, controlli serrati e indagini minuziose vanno avanti da giorni nei vari settori che hanno visto impegnato il militare dell’Arma in questi anni. Il maresciallo dei carabinieri destinatario dell’atto intimidatorio è stato protagonista in prima linea nella repressione di reati contro la pubblica amministrazione, nella lotta al racket dell’estorsioni e ha partecipato a importati operazioni di polizia che hanno minato le fondamenta delle organizzazioni della mafia locale.
Il sindaco di Barcellona , Maria Teresa Collica ha fatto sentire la sua voce. Piena solidarietà e vicinanza al maresciallo dei carabinieri destinatario dell’inquietante atto intimidatorio. Stasera alle 18 sfilerà un corteo silenzioso per far capire che i barcellonesi non si lasciano intimidire.

Anche il segretario generale della Cgil di Messina, Lillo Oceano, insieme al segretario della Camera del Lavoro di Barcellona, Salvatore Chiofalo, e a una delegazione del sindacato parteciperanno oggi pomeriggio alla manifestazione che si terrà nella città del Longano sia in segno di solidarietà al maresciallo oggetto del pesante atto intimidatorio sia per sottolineare l’importanza del reagire di fronte a gesti gravi e criminosi.

Tag:

2 commenti

  1. Ke schifo abbiamo una delle pochissime provincie di Messina gestite dalla mafia ed i barcellonesi dormono. Svegliatevi ke la mafia non porta da nessuna parte. È si vede basta guardare intorno al vostro paese.

    0
    0
  2. puzza di bruciato 5 Marzo 2013 21:16

    Poveri cavalli… prima nei tortellini adesso come messaggio intimidatorio…. ma cosa hanno fatto di male agli uomini…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x