Biblioteca comunale. De Luca: “Orari indecenti e spreco di personale” - Tempo Stretto

Biblioteca comunale. De Luca: “Orari indecenti e spreco di personale”

Marco Ipsale

Biblioteca comunale. De Luca: “Orari indecenti e spreco di personale”

martedì 08 Ottobre 2019 - 09:20
Biblioteca comunale. De Luca: “Orari indecenti e spreco di personale”

La Biblioteca è aperta solo due pomeriggi per meno di due ore. Il sindaco vuole estendere l'apertura fino alle 20 ma sacrificando "due o tre mattine". Ma così cambia poco

MESSINA – “Sprechi di risorse umane; orario del servizio indecente; ambienti biblioteca bambini sporchi; infiltrazioni di acqua pericolose per i libri; accesso occultato alla biblioteca. Così non va proprio”. L’ultimo dei “blitz” del sindaco Cateno De Luca ha toccato la Biblioteca comunale.

I NUMERI DEL 2018

847 consultazioni testi; 1100 prestiti libri; 30 visite guidate scolaresche; 30 eventi culturali; 5 mostre.

I CARICHI DI LAVORO

Secondo il sindaco, con questi numeri, per consultazioni testi e prestiti libri servono 22 settimane lavorative in un anno per una persona, per le visite guidate 4 settimane, per gli eventi culturali 5 settimane, per le mostre 2 settimane, in totale 33 settimane.

In pratica, tutto il lavoro della Biblioteca comunale potrebbe essere gestito da una persona, da due “volendo essere generosi”. Invece gli impiegati sono 8 a tempo pieno, compresa la responsabile.

LA DECISIONE

“Quattro impiegati saranno subito trasferiti, poi vedremo come riorganizzare il servizio con gli altri quattro. Anche questi sprechi hanno contribuito a far fallire il Comune di Messina. Un servizio che dovrebbe costare massimo 80mila euro annui è stato erogato spendendo circa 320 mila euro annui. Purtroppo i servizi venivano erogati esclusivamente in funzione delle esigenze degli impiegati comunali e non in relazione alle necessità e comodità degli utenti”.

GLI ORARI DI APERTURA

Al momento la Biblioteca è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle 15 alle 16.45. “A che serve così? – chiede il sindaco -. Cambieremo subito queste cattive abitudini”. Come? Apertura anche il sabato mattina e il pomeriggio fino alle 20, “chiudendo magari due o tre mattine durante la settimana, semplicemente modificando l’articolazione di lavoro”.

IL PARAGONE CON ALTRE REALTA’

Ma chiudere tre mattine per aprire tre pomeriggi cambierebbe poco. In Emilia Romagna, tanto per fare due esempi di realtà virtuose, la Biblioteca Delfini di Modena apre il lunedì dalle 14.30 alle 20 e dal martedì al sabato dalle 9 alle 20; la Panizzi di Reggio Emilia apre dal lunedì al sabato dalle 9 alle 20.

Tag:

Un commento

  1. purtroppo avendo tutto a portata di mano cioè di smatphone hanno relegato la biblioteca ad un retaggio remoto del 1900, sono troppo abituati a sfogliare tablet che a leggere e toccare libri specie senza funzione di ricerca, dove essa è relegata solo alla tua memoria dopo averla letta o consultando il sommario se c’è io pensavo in effetti che non esistevano piu’ le Biblioteche poleverore in termine stretto, come pensavo pure che erano spariti i parcheggi a disco orario, una multa in un paesino mi ha ricordato che ancora esistono, cose che accadono, ho visto e subito uno dei tanti parcheggi ad orario superstiti

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007