Bonus Sicilia, che fine ha fatto dopo il flop day? Il monito dei commercialisti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Bonus Sicilia, che fine ha fatto dopo il flop day? Il monito dei commercialisti

Alessandra Serio

Bonus Sicilia, che fine ha fatto dopo il flop day? Il monito dei commercialisti

sabato 17 Ottobre 2020 - 12:09
Bonus Sicilia, che fine ha fatto dopo il flop day? Il monito dei commercialisti

I commercialisti siciliani tornano a chiedere procedure più efficaci ed eque pe ripartire il bonus Sicilia dopo il flop del click day

Risorse più equamente ripartire per tutti, procedure meno farraginose, bandi chiari e stop alle richieste di eccessiva documentazione, a ridosso delle scadenze, scelta più oculata delle piattaforme informatiche di supporto. Ma soprattutto: mai più la corsa al click che produce graduatorie basate sulla “corsa al dito più veloce” ma il ritorno ai parametri legati al merito.

Sono queste le indicazioni che arrivano dal mondo professionale, in particolare dai commercialisti, alla Regione Siciliana, dopo il flop annunciato del click day per la ripartizione del Bonus Sicilia, i fondi destinati alle piccole e medie imprese danneggiate dai lockdown della scorsa primavera.

In attesa che la Regione intervenga con un nuovo bando – annunciato dal deputato Alessandro Aricò una settimana fa – intervengono sull’argomento i Giovani Commercialisti. Mentre due giorni fa il Governatore Musumeci ha “strigliato” i dirigenti e chiesto che vengano chiarite le responsabilità del “flop day”

Maria Lorena Totaro

“E’ interesse di tutti consentire che le nostre aziende possano accedere senza disparità alcuna. Sediamoci, quindi, insieme a lavorare sinergicamente per lo stesso “bene comune, la nostra Sicilia – dice Maria Lorena Totaro, esperta di misure di imprenditoria femminile e giovanile, responsabile Unione giovani commercialisti ed esperti contabili di Messina –Parlo di “nostre aziende”, sì, perché le seguiamo con passione e dedizione affiancando il management nelle scelte migliori- E sono anche vostre, perché sono esse stesse che rendono “produttiva e importante” la Sicilia che voi amministrate”.

Francesco Vito
Francesco Vito

Anche l’Associazione Nazionale Commercialisti chiede maggiore chiarezza nei bandi e nella modulistica. ” Il bando è stato scritto con troppi punti critici iniziali, chiariti durante il periodo di preparazione delle domande, emanando una sfilza chilometrica di faq. Ciò ha comportato confusione, lavoro triplicato sia per i consulenti che per le aziende. E’ consigliabile per le prossime volte, fare sedere al tavolo istituzionale per la redazione del bando, anche alcuni rappresentanti delle categorie professionali che hanno, per ovvie ragioni, più dimestichezza della materia contabile e fiscale“, dice il responsabile regionale Francesco Vito.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007