Brogli elettorali a Reggio Calabria, altri 9 indagati. De Magistris: "Quadro desolante" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Brogli elettorali a Reggio Calabria, altri 9 indagati. De Magistris: “Quadro desolante”

Dario Rondinella

Brogli elettorali a Reggio Calabria, altri 9 indagati. De Magistris: “Quadro desolante”

lunedì 19 Aprile 2021 - 20:49

Si allarga ulteriormente l'inchiesta giudiziaria sui brogli elettorali, con il coinvolgimento di altri politici

Altre 9 persone, tra cui politici, vanno ad allungare la lista degli indagati nell’ambito dell’inchiesta dei brogli elettorali nelle elezioni dello scorso settembre per il rinnovo del consiglio comunale di Reggio Calabria.

La  Procura della Repubblica reggina ha emesso dei nuovi provvedimenti a carico, dell’ormai ex consigliere comunale del Pd Antonino Castorina, attualmente agli arresti domiciliari, di due candidati a consigliere comunale di centrodestra Giuseppe Eraclini di Forza Italia e Luigi Dattola di Fratelli d’Italia, Giuseppe Cuzzocrea candidato in una lista civica a sostegnoe di Giuseppe Falcomatà e Paola Serranò del Pd ex consigliere ma che poi non si è candidata alle amministrative dello scorso mese di settembre, mentre gli altri indagati sono Serena Minniti dello staff di Castorina, Giuseppe Saraceno, zio di Antonino Castorina, Elena Anna Cotugno e Giuseppina Facciolo. Le ipotesi di reato, contestate a vario titolo sono violazione della legge elettorale e falso.

Su questo nuovo filone dell’inchiesta, le cui indagini sono eseguite dalla Digos di Reggio Calabria, coordinate dal Procuratore Giovanni Bombardieri e dell’ Aggiunto Gerardo Dominijanni., interviene Luigi De Magistris, candidato alle prossime elezioni regionali: “L’indagine della Procura della Repubblica sulle ultime elezioni comunali di Reggio Calabria
– dichiara il sindaco di Napoli – ci consegna un quadro desolante che apre a scenari imbarazzanti di manipolazione del consenso popolare.  

Il sistema delle preferenze fraudolente all’inizio sembrava rilegato solo ad un piccolo numero di soggetti mentre oggi appare essere un sistema trasversale non legato a singoli schieramenti o partiti. Un sistema marcio in cui c’è gente che ha votato più volte o in cui singoli soggetti accumulavano decine di deleghe di elettori impossibilitati per indirizzare il consenso su determinati soggetti. 

Non posso che esprimere la mia solidarietà alla cittadinanza di Reggio Calabria, – conclude De Magistris – cui è stato negato un diritto costituzionale come quello di avere elezioni libere e democratiche. Chiedo invece che la politica locale si assuma tutte le responsabilità del caso senza tentennamenti e senza far finta di nulla, facendo mea culpa per aver danneggiato i propri cittadini e l’immagine di un’intera città”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x