Assistenza agli studenti disabili, vince la lotta dei lavoratori: l'Ars vota per salvare il servizio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Assistenza agli studenti disabili, vince la lotta dei lavoratori: l’Ars vota per salvare il servizio

Assistenza agli studenti disabili, vince la lotta dei lavoratori: l’Ars vota per salvare il servizio

mercoledì 10 Agosto 2016 - 22:08
Assistenza agli studenti disabili, vince la lotta dei lavoratori: l’Ars vota per salvare il servizio

L’Ars ha abrogato l’art. 10 della legge n. 8 del 2016 che prevedeva il passaggio della gestione del servizio di assistenza igienico-sanitaria di competenza delle ex Province e degli Enti locali alle Istituzioni scolastiche. Una norma che aveva buttato nella disperazione centinaia di lavoratori e famiglie. La soddisfazione della Fp Cgil

La lotta dei lavoratori ha pagato. Non si sono arresi, hanno battuto i pugni su ogni tavolo, fino a Palermo, e alla fine l’Ars ha fatto la sua parte. Buone notizie per tutti gli operatori impegnati nei servizi di assistenza personale ai disabili che frequentano le scuole di ogni ordine e grado di competenza del Comune di Messina e della ex Provincia. L’Ars ha abrogato l’art. 10 della legge n. 8 del 2016 che prevedeva il passaggio della gestione del servizio di assistenza igienico-sanitaria di competenza delle ex Province e degli Enti locali alle Istituzioni scolastiche. Una norma che aveva buttato nella disperazione centinaia di lavoratori che hanno seriamente temuto la perdita del posto di lavoro, e che hanno messo in allarme tantissimi genitori che hanno temuto che all’apertura dell’anno scolastico i loro figli non avrebbero avuto alcuna assistenza.

Numerose le iniziative sindacali messe in campo, dall’occupazione della sede della Città Metropolitana, alla fiaccolata per le vie della città, agli incontri con la deputazione regionale messinese sfociata successivamente con l’incontro in Commissione all’ARS che non aveva lasciato molte speranze. Infine, lo scorso venerdì, la protesta si è spostata a Palermo, i lavoratori della Fp Cgil hanno inscenato un sit-in di protesta davanti alla sede dell’Ars chiedendo la cancellazione dell’art. 10 e il conseguente ripristino della legge n. 15 del 2004., per fornire adeguata assistenza ai ragazzi disabili e evitare il licenziamento di 2500 persone in tutta la Sicilia.

“Non possiamo che esprimere soddisfazione dichiarano – Clara Crocè, segretaria generale della Fp Cgil, Elena De Pasquale per il Dipartimento terzo settore e Gianluca Gangemi, responsabile del settore. Sono stati mesi di lotte e di iniziative sindacali per convincere la deputazione a are marcia indietro. In arrivo anche le risorse per la Città Metropolitana per garantire l’avvio del servizio nei primi mesi dell’anno scolastico. L’Ars ha infatti stanziato 1.500.000 euro. Siamo consapevoli che le risorse non sono sufficienti a garantire tutto l’anno scolastico. E’ un primo passo, importantissimo per i lavoratori e i ragazzi disabili”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x