Parcheggio Annunziata ovest, Pergolizzi chiede il ritiro dell’ordinanza. Capone: «Quasi pronta la modifica del provvedimento» - Tempostretto

Parcheggio Annunziata ovest, Pergolizzi chiede il ritiro dell’ordinanza. Capone: «Quasi pronta la modifica del provvedimento»

Parcheggio Annunziata ovest, Pergolizzi chiede il ritiro dell’ordinanza. Capone: «Quasi pronta la modifica del provvedimento»

venerdì 15 Luglio 2011 - 06:40

Il consigliere di Fli denuncia la mancata pubblicazione del provvedimento sull’albo pretorio e sul sito istituzionale del Comune. L’assessore alla mobilità cerca di mantenere le promesse fatte durante la conferenza “aperta” della V circoscrizione

Il consigliere di Fli Nello Pergolizzi torna all’attacco dell’ordinanza che n°308 dell’8 aprile 2010 con cui l’amministrazione comunale ha approvato l’affidamento dell’azienda trasporti di Messina del parcheggio d’interscambio Annunziata Ovest. Una decisione che, come si sa (vedi video correlato), ha provocato forti reazioni anche tra le file del V quartiere che proprio qualche giorno fa ha organizzato una conferenza stampa “in loco”, ovvero tra le macchina dei residente costretti pagare il costo del biglietto Atm da esporre sul cruscotto della propria vettura per poter far ritorno a casa. In quell’occasione l’assessore alla mobilità Melino Capone che ha affermato di non poter revocare l’ordinanza perché essa risponde a quanto previsto dalla legge regionale, si è però detto pronto a “partorire” una nuova disposizione in cui il pagamento del ticket, al momento esteso all’intera giornata, avvenga solo per metà di essa, ovvero la mattina. «Ci stiamo lavorando – ha affermato Capone – nei prossimi giorni il nuovo provvedimento sarà pronto». Oggi però Pergolizzi, in un documento inviato al sindaco Buzzanca e al segretario Generale Santi Alligo, torna a chiedere una revoca del provvedimento in autotutela in quanto quest’ultima, diversamente da quanto previsto dalla legislazione in materia, prima di entrare in vigore non è stata pubblicata né sull’albo pretorio del Comune, né sul sito istituzionale dell’ente. Per il consiglieri di Fli si tratta di elementi che possono determinare “contenziosi contro il Comune di Messina per impugnazioni di eventuali sanzioni amministrative comminate in relazione a tali parcheggi con conseguenti salassi economici alla cittadinanza”.(EDP) (IN BASSO VIDEO DELLA CONFERENZA AL V QUARTIERE)

Tag:

2 commenti

  1. Torno a ribadirlo e a ripeterlo:
    non si capisce PERCHE’ un parcheggio di interscambio DEVE essere a pagamento? Viene meno il principio per il quale è stato creato:facilitare e rendere conveniente prendere il mezzo pubblico.
    Inoltre dove sta scritto? Qual’è la normativa – INDEROGABILE -che lo stabilisce?
    Ed infine: un’ordinanza comunale PUO’ESSERE ANNULLATA!!!
    Forse a Capone non è chiaro:
    La cittadinanza NON VUOLE IL PARCHEGGIO A PAGAMENTO, e fino a prova contraria l’opinione della maggioranza dei cittadini (che poi sono coloro che pagano le tasse, i balzelli, gli ecoTass ecc…) hanno la prevalenza sulle ordinanze.

    0
    0
  2. SaltaLaMacchia 15 Luglio 2011 12:16

    Ma all’annunziata c’e’ anche l’Ovest ?

    0
    0

Rispondi a SaltaLaMacchia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007