Blitz antidroga nel rione-fortino di Mangialupi, 3 arresti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Blitz antidroga nel rione-fortino di Mangialupi, 3 arresti

Alessandra Serio

Blitz antidroga nel rione-fortino di Mangialupi, 3 arresti

lunedì 28 Agosto 2017 - 23:49
Blitz antidroga nel rione-fortino di Mangialupi, 3 arresti

Irruzione dell'Arma nella piazza dello spaccio. In manette Giuseppe Sturniolo e Daniele Mazza, mentre Angelo Catalfamo è ai domiciliari. Sequestrata cocaina, eroina e marijuana.

E' scattato all'alba di ieri il rastrellamento dei Carabinieri a Mangialupi, passato al setaccio da oltre 40 militari e col supporto dello Squadrone Eliportato Carabinieri “Cacciatori” di Sicilia che, insieme agli uomini della Compagnia Messina Sud, hanno improvvisamente “congelato” l’intero quartiere ed hanno effettuato decine di controlli e perquisizioni domiciliari.

Il bilancio è di tre arrestati – tutto già noti alle forze dell'Ordine, e parecchia droga sequestrata.

In particolare, nell’abitazione Giuseppe Sturniolo, 31 anni, nascosti in un’intercapedine ricavata nella camera da letto, sono stati rinvenuti 1 grammo di cocaina, 21 di eroina e 110 di marijuana, già suddivisi in singole dosi, unitamente ad un bilancino di precisione perfettamente funzionante e alla somma di 2.305 euro in banconote di vario taglio, ritenuti provento dello spaccio.

A casa di Daniele Mazza (24) invece, i carabinieri hanno trovato, ingegnosamente inseriti all’interno di una grondaia installata in un cortile interno, 11 grammi di cocaina confezionati in dosi, più un bilancino di precisione e 4.520 euro in banconote di vario taglio.

E’ finito nei guai anche Angelo Catalfamo (43) nel cui giardino di casa c'erano 3 piante di cannabis indica dell’altezza di circa 250 centimetri, interrate in grossi vasi che erano stati posizionati in un angolo, nascosti da una siepe.

Lo stupefacente e i bilancini, nonché il denaro ritenuto provento dell’attività illecita, sono stati sequestrati, mentre i tre sono stati arrestati in flagranza di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Sturniolo e Mazza sono rinchiusi nel carcere di Gazzi, mentre a Catalfamo sono stati concessi i domiciliari in attesa del processo direttissimo, fissato per mercoledì 30 agosto prossimo.

Alessandra Serio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x