Incendio del 9 luglio 2017 all'Annunziata, 70enne ai domiciliari - Tempostretto

Incendio del 9 luglio 2017 all’Annunziata, 70enne ai domiciliari

Alessandra Serio

Incendio del 9 luglio 2017 all’Annunziata, 70enne ai domiciliari

sabato 21 Luglio 2018 - 07:48
Incendio del 9 luglio 2017 all’Annunziata, 70enne ai domiciliari

Il pensionato è stato incastrato dalle immagini restituite dal satellite. Aveva bruciato del fogliame di risulta dalla scerbatura del proprio terreno e il rogo gli è sfuggito di mano, alimentato dal fuoco. E' accusato di incendio boschivo e disastro ambientale.

Ha 70 anni l'uomo responsabile delle fiamme che il 9 luglio scorso devastarono l'Annunziata, arrivando fino a quasi al Papardo e minacciando le abitazioni. Ci vollero due giorni per domare l'incendio  e soltanto l'abnegazione e la competenza dei Vigili del Fuoco e degli uomini della Protezione Civile impedì danni alle case e alle persone.

Il pensionato, che abita a San Michele, da dove è partito il rogo, è andato ai domiciliari con l'accusa di incendio boschivo doloso e disastro ambientale. Oltre ai 550 ettari di terreno andati in fumo, infatti, la conseguenza di quei due giorni di incendio è che oggi quelle colline, densamente abitate, sono più fragili e a rischio frana, visto che la composizione del terreno è cambiata e non trattiene più l'acqua.

L'indagine dei Carabinieri è stata denominata Efesto ed ha preso il via attraverso la visione delle immagini di sorveglianza della zona. Per stringere il campo e individuare l'origine del rogo, i militari del Nucleo Informativo hanno visionato anche le immagini restituite dai satelliti. E' così ventìuto fuori che il rogo è partito da Pisciotto, a monte di San Michele, all'interno di un terreno privato. L'analisi del traffico telefonico, attraverso i tabulati estratti dalle celle della zona, ha ristretto il campo intorno al pensionato. Si è così scoperto che il giorno prima del rogo aveva scerbato il proprio terreno e quella mattina voleva liberarsi del fogliame dandogli fuoco. Il forte vento ha alimentato un rogo pauroso che è presto sfuggito al suo controllo. Le fiamme stavano travolgendo lo stesso settantenne, che è scappato senza chiedere aiuto.

Da San Michele, alimentato da raffiche che cambiavano continuamente direzione, il fronte del fuoco si è allargato all'Annunziata, a Monte Ciccia e Portella Castanea, riscendendo sul versante jonico fino alle spalle del plesso universitario del Papardo. Tante le abitazioni minacciate. Per oltre 48 ore gli uomini dei soccorsi hanno lavorato ininterrottamente e a rischio concreto, perché il vento cambiava spesso fronte e i vigili si sono trovati addosso più volte un alto muro di fiamme.

Tag:

COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007