Razziavano supermercati minacciando chi tentava di fermarli: sgominata una banda "familiare" (VIDEO) - Tempostretto

Razziavano supermercati minacciando chi tentava di fermarli: sgominata una banda “familiare” (VIDEO)

Veronica Crocitti

Razziavano supermercati minacciando chi tentava di fermarli: sgominata una banda “familiare” (VIDEO)

lunedì 02 Maggio 2016 - 10:02

Talvolta non disdegnavano minacce ai responsabili, alle guardie giurate o ai dipendenti, in particolare quando questi provavano a fermarli.

Fare la spesa in alcuni supermercati di Messina, senza pagare il conto, era diventata per loro una vera e propria abitudine. E non si limitavano soltanto ai prodotti alimentari, perché alla fine faceva “brodo”, dai profumi alle caffettiere.
E’ un’intera famiglia messinese composta da ben 6 persone quella finita nei guai stamattina con l’accusa di furto aggravato e rapina impropria in concorso.
Vanno direttamente in carcere Francesco Portogallo, 45 anni, e Vincenzo Burrascano, 21 anni. Ai domiciliari, invece, Annunziata Portogallo, 17 anni, Paola Giunta, 44 anni. Per Giuseppe Burrascano, 19 anni, e Giuseppa Morgana, 27 anni, è scattato l’obbligo di dimora.

A far scattare le indagini sono stati i militari del Nucleo Radiomobile di Messina, nei primi mesi del 2015. Già allora, alcuni componenti della banda erano stati denunciati poiché beccati con tanti prodotti rubati in un supermercato cittadino. Grazie alla visione di numerosi filmati di videosorveglianza e di servizi specifici, i carabinieri sono riusciti a risalire poi anche agli altri famigliari ed al quadro generale. In pratica, i sei messinesi finiti oggi nei guai avevano messo su una vera e propria banda specializzata in furti.
Il modus operandi sempre lo stesso: entravano nei supermercati, si avvicinavano agli scaffali, nascondevano la roba sotto i vestiti (dopo aver tolto i dispositivi antitaccheggio) e poi se ne andavano.
Talvolta non disdegnavano minacce ai responsabili, alle guardie giurate o ai dipendenti, in particolare quando questi provavano a fermarli.
In molti casi, per loro erano scattati anche gli arresti in flagranza. (Veronica Crocitti)

Tag:

6 commenti

  1. CON QUESTO CODICE PENALE IN QUESTA RIDICOLA NAZIONALE GLI PORTERANNO NON DICO IL CAFFE’, MA LA GRANITA. QUESTO E’ CODICE PENALE?, MA!

    0
    0
  2. CON QUESTO CODICE PENALE IN QUESTA RIDICOLA NAZIONALE GLI PORTERANNO NON DICO IL CAFFE’, MA LA GRANITA. QUESTO E’ CODICE PENALE?, MA!

    0
    0
  3. Fateli morire di fame !!! Li dobbiamo anche mantenere in carcere

    0
    0
  4. Fateli morire di fame !!! Li dobbiamo anche mantenere in carcere

    0
    0
  5. FURBETTI

    0
    0
  6. FURBETTI

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007