Caso La Residenza, prescrizione o no al processo d'appello? - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Caso La Residenza, prescrizione o no al processo d’appello?

Alessandra Serio

Caso La Residenza, prescrizione o no al processo d’appello?

giovedì 21 Febbraio 2019 - 07:02
Caso La Residenza, prescrizione o no al processo d’appello?

Siparietto in aula, al processo sul complesso di Pettina sul Torrente Trapani, col procuratore generale che cambia le richieste, mentre per i difensori i reati sarebbero comunque prescritti. Lo strano caso del Comune di Messina, con due avvocati e due posizioni.

Doveva essere l’ultima udienza e il giorno della sentenza. Invece al processo d’appello sulla costruzione del complesso La Residenza, su Torrente Trapani, è stato rinviato tutto al prossimo 4 marzo. Non è stata una semplice udienza di passaggio, però, quella di ieri, e un rinvio formale.

Perché il sostituto procuratore generale Maurizio Salamone, che ha sostituito il collega Santi Cutroneo nel reggere l’Accusa, è arrivato in aula con una novità di non poco conto. Cambiando completamente rotta alle conclusioni dell’ufficio, presentante alla scorsa udienza dal PG che aveva chiesto alla Corte di dichiarare la prescrizione dei reati, Salamone ha parlato per circa un paio d’ore, affondando sulle responsabilità degli imputati e sollecitando invece alcune condanne.

Il costruttore Giuseppe Pettina e Silvana Nastasi, per esempio, erano stati condannati per diversi reati, secondo il Pg Cutroneo tutti prescritti. Per Salamone, invece, l’accusa legata all’illecito smaltimento dei rifiuti resta in piedi – non è una contravvenzione come l’aveva considerata il collega, e quindi non sarebbe prescritta.

Il PG Cutroneo si è poi detto “incredulo” del fatto che Cutroneo avesse chiesto l’assoluzione nel merito dell’ingegnere Giuseppe Rando, all’epoca dei fatti funzionario comunale. Condannato in primo grado, in appello ha rinunciato alla prescrizione. Secondo Cutroneo non va assolto, il suo ruolo sarebbe centrale e la sua condotta da censurare.

Malgrado l’opposizione dei difensori, la Corte ha accolto le nuove richieste dell’Accusa,e la parola è poi andata ai difensori, in particolare all’avvocato Antonio Saitta. Erano le 15 quando i giudici hanno poi sospeso e rinviato tutto al prossimo 4 marzo.

Secondo i difensori anche con le “rettifiche”, i reati sarebbero comunque prescritti. A decidere sarà la Corte d’Appello, dopo aver sentito anche gli avvocati Paolo Turiano Mantica e Massimo Lo Turco.

Quella del cambio di rotta dell’Accusa non è l’unica “particolarità” di questo processo. Tra le parti civili c’è il Comune di Messina, assistito dall’avvocato Bonni Candido. Che però figura anche come responsabile civile, in questo caso assistito dall’avvocato Nino Parisi. Insomma un solo ente con due posizioni, e due legali incaricati.

Un’altra annotazione importante è d’obbligo: tra gli imputati c’è anche Nicola Grasso, padre del neo pentito Biagio Grasso, che recentemente sul sacco edilizio sul Torrente Trapani ha rilasciato importanti dichiarazioni.

LEGGI QUI

LA SENTENZA DI PRIMO GRADO

LE VERITA’ DI GRASSO SUL TORRENTE TRAPANI

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007