Chiusura dei varchi nel Viale Europa, scoppia la protesta. Iniziata la petizione - Tempostretto

Chiusura dei varchi nel Viale Europa, scoppia la protesta. Iniziata la petizione

Rosaria Brancato

Chiusura dei varchi nel Viale Europa, scoppia la protesta. Iniziata la petizione

sabato 13 Febbraio 2021 - 17:58

"Rimedio peggiore del male". Contro i dissuasori è stata avviata la raccolta firme. In campo il consigliere comunale Dario Zante

Detto fatto. E contemporaneamente all’installazione dei varchi sono scoppiate le polemiche.

Le proteste

I varchi nel viale Europa, nel tratto compreso tra via La Farina e via Cesare Battisti, volti a impedire il passaggio da una carreggiata all’altra hanno incontrato le proteste dei residenti e non solo. Già dalle prime ore dell’installazione dei dissuasori i commercianti della zona hanno avviato una petizione per esprimere il proprio dissenso ad una misura che rischia di avere l’effetto opposto rispetto alle intenzioni originarie.

L’ordinanza

L’ordinanza risale allo scorso 9 settembre ed è stata messa in atto cinque mesi dopo. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di “migliorare la sicurezza della circolazione veicolare eliminando i potenziali punti di conflitto derivanti dall’attuale inosservanza delle norme del Codice della Strada”.La raccolta e l’analisi dei dati dell’incidentalità stradale relativa agli anni 2011-2017, effettuata nell’ambito dell’aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (Pgtu), dimostrano infatti una significativa incidentalità (130 incidenti) nel tratto in questione.

Varchi e dissuasori

Ma cosa comporta la chiusura dei varchi? Chi deve invertire il senso di marcia dovrà arrivare fino agli incroci o col viale San Martino o, peggio ancora, con la rotatoria Zaera, che è già sovraccarica di traffico. Così anche per i mezzi di soccorso. Le conseguenze però si sono viste sin dal momento in cui è stata messa la segnaletica orizzontale: il caos e gli intasamenti nelle strade principali: viale Europa, viale San Martino, via Catania e via Cesare Battisti.

Zante in Commissione

Il provvedimento ha già creato tante proteste. A farsi portavoce dei residenti e degli esercenti dell’ampia zona interessata è stato in seduta di commissione il consigliere comunale Dario Zante che successivamente ha avuto un incontro con chi sta avviando una raccolta di firme.  Zante ha evidenziato i rischi per le ripercussioni nel traffico soprattutto in un’area, quella del viale Euoropa, attraversata da mezzi di soccorso diretti all’ospedale Piemonte.

I dubbi di Mario Barresi

Anche  il consigliere della terza municipalità Mario Barresi aveva evidenziato come si tratti di un rimedio peggiore del male:  “il mancato rispetto delle regole da parte di pochi non deve far pagare il conto ai cittadini che invece il codice stradale lo rispettano – aveva detto- Servono invece soluzioni alternative, come ad esempio migliorare la visibilità agli incroci impedendone il parcheggio selvaggio, istituendo dei moderatori di velocità, e aumentando i controlli della polizia municipale”.

Al via la raccolta firme

Un ultimo motivo di protesta è la contestuale modifica della circolazione nella zona di via Catania e via del Santo. Insomma, troppa carne al fuoco e già le prime installazioni di dissuasori, soprattutto nelle ore di punta, hanno mandato in tilt la circolazione.

Articoli correlati

Tag:

7 commenti

  1. Il fatto è che il mancato rispetto delle regole è da parte di molti non di pochi. Basta solo contare il numero di quelli che usano il cellulare mentre guidano. Ciò rende molto complicato trovare soluzioni adeguate ed efficaci e questa probabilmente non lo è.

    0
    0
  2. Purtroppo è la sacrosanta verità,costatato di persona negli ultimi giorni.Questa amministrazione non è solo da scherzi a parte ma anche da mandare alla famosa trasmissione di Corrado “La corrida dilettanti allo sbaraglio”mah povera Messina

    5
    11
  3. Ma di cosa si parla? 130 incidenti in 8 anni sono circa 20 incidenti l’anno a fronte dei circa 3000 incidenti che si verificano in città ogni anno! Ma chi sono gli scienziati della viabilità? Fanno provvedimenti che creano caos e poi puntualmente chiamano la Polizia Municipale a risolvere il tutto. Ma cercate di studiare alternative diverse e migliori.

    0
    0
  4. Spero che questa amministrazione se ne vada al più presto possibile

    7
    12
  5. Il problema non è l’amministrazione ma lo scarso senso civico dei cittadini d’altronde i 130 incidenti stradali causati da tanti fenomeni al volante la dice lunga!

    14
    3
  6. Si, lamministrazione non è all’altezza Però invece di raccogliere firme per queste xxxxxxx perché non raccogliamo firme per chiedere di mandare a casa Di Luca & C.

    6
    10
  7. ma allora non si rispetta il codice della strada e vi lamentate pure ma non ho parole prima incivili e poi certa gente non ha rispetto del senso civico ma che dobbiamo fare?

    0
    0

Rispondi a giovannib Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007