Siremar, la SNS: "Stiamo risolvendo i disguidi, non addebitabili a noi,subentrati da 10 giorni" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Siremar, la SNS: “Stiamo risolvendo i disguidi, non addebitabili a noi,subentrati da 10 giorni”

Siremar, la SNS: “Stiamo risolvendo i disguidi, non addebitabili a noi,subentrati da 10 giorni”

giovedì 21 Aprile 2016 - 19:29
Siremar, la SNS: “Stiamo risolvendo i disguidi, non addebitabili a noi,subentrati da 10 giorni”

La SNS spiega gli intoppi che si sono verificati nei primi giorni dal passaggio di consegne della Siremar e che sono tutti in fase di risoluzione definitiva, non addebitabili alla società subentrante. Il porto di Vulcano sarà inoltre riaperto in tempi tali da garantire un tranquillo ponte del 25 aprile

Da dieci giorni Società di Navigazione Siciliana (joint venture tra Caronte & Tourist e Ustica Lines) è subentrata a Compagnia delle Isole nella gestione dell’ex Siremar. Troppo presto per azzardare qualunque analisi, sebbene siano ampiamente comprensibili le condizioni di difficoltà nel rilevare in corsa un’attività che peraltro, nei due anni intercorsi tra il pronunciamento del consiglio di stato e il definitivo passaggio di consegne, ha subito un inevitabile deperimento. Già nei primissimi giorni di gestione sono emerse alcune problematiche su cui SNS ritiene doveroso – per rispetto della propria affezionata clientela – un approfondimento.

E’ stato segnalato, anche da rappresentanti delle istituzioni eoliane, che la nave “Filippo Lippi” nella giornata di lunedì scorso – ma come da sempre accade – è partita da Milazzo con due ore di ritardo per potere approvvigionarsi di carburante, ipotizzando anche la possibilità di una modifica del relativo orario.

In realtà SNS sta già muovendosi per una soluzione definitiva e radicale del problema, del quale era peraltro già a conoscenza, attraverso una velocizzazione del processo di caricazione del carburante. In questo senso ritiene di dover chiedere alla clientela un supplemento di pazienza.

Riguardo, invece, alle proteste dei passeggeri della nave che collega Napoli alle Eolie per la carenza di cabine, pur prenotate, SNS specifica che i disguidi hanno origine dalla sostituzione, operata ben prima del cambio di gestione, della nave Laurana – tradizionalmente utilizzata per quella tratta – con la Pietro Veronese, molto più piccola e dunque con minore capacità di trasporto di passeggeri.

Compagnia delle Isole peraltro non ha comunicato alla società subentrante il numero di cabine vendute. Si stanno comunque gestendo i fenomeni – naturalmente destinati a cessare a breve, anche grazie a un nuovo software per la gestione di biglietterie e prenotazioni – di overbooking, pur con qualche comprensibile disagio per la clientela cui si sta ovviando mediante l’incremento del già notevole tasso di ospitalità a bordo, oltre che naturalmente rimborsando le differenze per la diversa sistemazione.

SNS, infine, apprende con soddisfazione che il proprio intervento, come dichiarato dal sindaco di Vulcano, consentirà la riapertura del porto di quell’isola in tempi tali da non danneggiare l’imminente ponte del 25 aprile.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x