Comune di Messina. UilFpl e Silpol: "Da giunta De Luca promesse da marinaio" - Tempostretto

Comune di Messina. UilFpl e Silpol: “Da giunta De Luca promesse da marinaio”

Redazione

Comune di Messina. UilFpl e Silpol: “Da giunta De Luca promesse da marinaio”

sabato 10 Aprile 2021 - 12:22

Tema del contendere il contratto decentrato integrativo relativo al 2019

Non sono bastati sedici mesi di richieste, riunioni e diffide per dare seguito al Contratto collettivo decentrato integrativo 2019 ed erogare le dovute spettanze ai lavoratori dell’Ente. In tal senso le scriventi organizzazioni sindacali, devono constatare con forte rammarico, le promesse da marinaio e l’atteggiamento dilatorio perpetrato a danno dei dipendenti dall’amministrazione e dai dirigenti”.


Lo scrivono in una nota indirizzata ai vertici di Palazzo Zanca, Pippo Calapai ed Emilio Di Stefano (segretario generale e responsabile provinciale Uil-Fpl), e Giuseppe Gemellaro (segretario provinciale Sil.Pol).
I sindacalisti spiegano di essere stati consapevoli,che il nuovo strumento contrattuale avrebbe creato, in fase di applicazione, non pochi problemi e che per questo sarebbe stato necessario il ‘concorso responsabile’ di tutte le parti in causa. Il fatto che a tutt’oggi dipendenti non hanno ancora ricevuto un euro delle varie indennità di salario accessorio (responsabilità, disagio, rischio, funzione, produttività, ecc, ), rischia di assumere i contorni della farsa con danno, ancor più se si considera che la formulazione del bando per attribuire la Progressione Economica Orizzontale agli aventi diritto abbia inspiegabilmente richiesto un anno di gestazione ed ora, dopo la pubblicazione della graduatoria provvisoria  l’iter abbia subito un’ulteriore battuta di arresto.

Riteniamo non solo doveroso ma improcrastinabile- dicono i sindacalisti- procedere con l’immediata pubblicazione della graduatoria definitiva, essendo decorsi i dieci giorni dati al dirigente per esaminare le istanze di reinserimento e di riesame presentate  dai lavoratori interessati. Ciò consentirà di liquidare quanto dovuto agli aventi diritto, ottenere l’aggiornamento tabellare dello stipendio e percepire gli arretrati dal 01/01/2019 al 31/03/2021 che variano da un minimo di  € 554,24 ad  un massimo DI   €  €.5.393,54. Consentirà di poter sanare la posizione dei dipendenti esclusi dalla graduatoria 2018,  a seguito della revoca della determinazione  n.435  del 23/01/2019, compensando, a conguaglio, parte delle somme indebitamente percepite ed affrancando  dalle responsabilità chi ne ha la titolarità. Inoltre, consentirà di poter avere contezza delle eventuali economie risultanti dall’applicazione dei vari istituti contrattuali e chiudere definitivamente il CCDI 2019 dando corso a quello del 2020 e per esso all’indizione del nuovo bando per la PEO.

I sindacalisti evidenziano la condotta di grande responsabilità adottata dalle organizzazioni sindacali in tutte le fasi di interlocuzione e costruzione dei percorsi avviati dall’Amministrazione, tesi a migliorare ed innovare l’organizzazione dell’Ente, ” questa non può né deve essere scambiata per alcuna forma di asservimento. Non  siamo più disponibili a  tollerare ulteriori ritardi nell’interesse esclusivo dei diritti dei lavoratori”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007