Continua il lockdown dei bimbi autistici. I genitori: "Il centro dell'Asp chiuso. I nostri figli senza diritti" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Continua il lockdown dei bimbi autistici. I genitori: “Il centro dell’Asp chiuso. I nostri figli senza diritti”

Rosaria Brancato

Continua il lockdown dei bimbi autistici. I genitori: “Il centro dell’Asp chiuso. I nostri figli senza diritti”

giovedì 04 Giugno 2020 - 11:07
Continua il lockdown dei bimbi autistici. I genitori: “Il centro dell’Asp chiuso. I nostri figli senza diritti”

Solo il centro dell'Asp è chiuso da marzo. "Riapre tutto, compresi i centri privati. Ascoltate la nostra voce"

Noi parliamo per i nostri bimbi che non possono parlare. E’ un grido di protesta il nostro, il coro di genitori di bambini speciali che già hanno patito tanto durante il lockdown”. L’allarme è dei genitori di bambini affetti da disturbi dello spettro autistico e per i quali il lockdown sta diventando sempre più lungo con conseguenze devastanti.

Chiuso solo il centro Asp

A restare chiusa infatti è ormai solo la struttura pubblica dell’Asp, il Diatip (centro di diagnosi e trattamento intensivo precoce), impedendo così le terapie riabilitative sin dalla prima settimana di marzo. Le famiglie hanno scritto più volte all’Asp senza però avere risposte neanche in merito ad una possibile data di riapertura. Nel frattempo i centri privati in convenzione (Dismed, ssr, centri diurni, il centro del Policlinico, istituto Marino di Mortelle) hanno già riaperto battenti, sia in modalità di presenza che attraverso la tele- riabilitazione (quest’ultima peraltro già avviata durante la quarantena). Soltanto la struttura pubblica, che nel lockdown non ha garantito neanche la tele-riabilitazione, è ancora chiusa da 3 mesi.

L’allarme dei genitori

I nostri figli stanno perdendo le abilità acquisite durante il percorso portato avanti con le operatrici nel Centro e quel che è più grave è che stanno riemergendo comportamenti problematici precedentemente contenuti o estinti”, è quanto evidenziano i genitori in un documento trasmesso al direttore generale dell’Asp Paolo La Paglia. Le attività sono indispensabili per il percorso di crescita di questi bimbi speciali, così come il rapporto con le operatrici. La prolungata chiusura rischia di vanificare quanto conquistato finora. I bambini autistici hanno sofferto moltissimo le restrizioni della pandemia e le famiglie chiedono che il Diatip riapra al più presto, anche solo con la modalità di tele-riabilitazione se ancora non si può garantire la presenza.

I nostri figli senza diritti

Un giorno in più è prezioso e l’amarezza di vedere che i centri convenzionati sono già attivi ed in altri Comuni anche quelli pubblici, è grande. “Non comprendiamo inoltre come sia possibile che tutto sia stato riaperto, bar, ristoranti, lidi, musei, turismo anche europeo ma i nostri figli non hanno diritti. Allora gridiamo noi per loro. Ascoltateci”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Annamaria Raffa 4 Giugno 2020 15:44

    Siamo in trepidante attesa l ASP riapra diversi servizi…con comodo certo

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007